Eurogol, la rubrica sul calcio estero

Con Eurogol andiamo all’esplorazione del fantastico mondo del calcio estero.

Sembra ormai al capolinea l'avventura di Mancini al City dopo la sconfitta in FA Cup (telegraph.co.uk)

PREMIER LEAGUE – Si fa sempre più difficile la situazione sulla panchina del Manchester City per Roberto Mancini. Il tecnico di Jesi è stato sconfitto per 1-0 nella finale di FA Cup dal Wigan, non ottenendo nessuno dei traguardi previsti dalla società nella scorsa estate. Già dalla prossima giornata si parla di un avvicendamento di Mancini con il suo vice Kidd, che dovrà consegnare la squadra al probabile prossimo allenatore del city: Manuel Pellegrini, l’ingegnere cileno con un passato al Real Madrid, Villarreal e Malaga, con cui ha sfiorato la semifinale questa stagione. Che sia lui l’uomo giusto per portare i Citizens sulla vetta d’Europa?

Intanto sull’altra sponda di Manchester, all’Old Trafford saluto e trionfo per Sir Alex Ferguson, a cui è stato lasciato l’onore di sollevare la coppa della Premier League davanti al suo pubblico. Lo scozzese ha salutato il suo pubblico con la vittoria per 2-1 sullo Swansea, firmata da Hernandez e Ferdinand. Ultima apparizione all’Old Trafford per Ferguson, che chiuderà la sua avventura da manager dello United nel prossimo turno contro il WBA: per lui sarà la panchina numero 1500 della sua carriera.

Chelsea vittorioso contro l’Aston Villa e Frank Lampard sempre più nella storia: il centrocampista ha raggiunto quota 203 reti con la maglia dei Blues, entrando di diritto nella hall of fame in attesa del ritorno dello Special One. Tottenham  al momento al quarto posto, grazie alla vittoria al Britannia Stadium di Stoke con le reti di Dempsey e Adebayor nel finale. Ora se l’Arsenal dovesse vincere nel turno di martedì con il Wigan, gli Spurs scenderanno di una posizione.

Lotta serrata per salvarsi: Wigan, Sunderland, Aston Villa, Fulham e Southampton non possono ancora dirsi tranquille e una di loro dovrà lasciare la Premier League.

I giocatori del Barcellona festeggiano il titolo numero 22 (ibtimes.com)

LIGA – E’ arrivato il giorno del trionfo per il Barcellona: la vittoria contro l’Atletico Madrid consegna ai blaugrana il titolo numero 22 della propria storia. La formazione di Vilanova ha vinto il titolo meritatamente, anche grazie a una partenza incerta da parte del Real Madrid, che ha lasciato sul campo molti punti. L’unico vero avversario è stato l’Atletico Madrid di Simeone, che però al giro di boa ha perso in condizione atletica e  si è lasciato superare dalla grande formazione catalana. Il Barcellona deve però ringraziare il suo eroe: Lionel Messi, 46 reti in campionato, ha trascinato i suoi alla conquista del titolo. Nei momenti in cui l’argentino non ha girato però il Barcellona ha faticato. Unica pecca da rivedere per la prossima stagione. Altro dilemma: Victor Valdès lascerà, chi sarà il nuovo portiere del Barça?

Emozionante fotofinish per la salvezza: sono ancora in lotta Maiorca, Celta, Deportivo, Saragozza, Granada e Osasuna, 6 formazioni in 7 punti. Le giornate da disputare sono ancora 3 e tutto è ancora possibile.

Jeremie Menez, autore della rete dell'1-0 che consegna il titolo al PSG

LIGUE 1 – Finalmente è arrivato il tanto agognato momento: il Paris Saint Germain campione di Francia dopo 19 anni. Trionfo per la formazione di Ancelotti, tecnico che ha vinto il titolo anche in Francia, dopo le conquiste di Italia e Inghilterra. Bisogna dire che la formazione parigina è stata la più attrezzata per lottare in campionato, con acquisti di valore – Ibrahimovic, Verratti, Thiago Silva e Lavezzi su tutti – che hanno permesso di sbaragliare la concorrenza. PSG protagonista anche in Champions: eliminazione per mano del Barcellona nei quarti, ma solo dopo due pareggi. Lite tra Leonardo e Ibra prima dei festeggiamenti: lo svedese era stato lasciato solo all’antidoping senza che nessuno lo riportasse negli spogliatoi a festeggiare con i compagni. Allarme subito rientrato, lo svedese resterà a Parigi e Leo dietro la scrivania, alla ricerca della vittoria che manca: la Champions League, che lo svedese non vede l’ora di conquistare.

BUNDESLIGA - Bayern Monaco vittorioso anche con molte riserve contro l’Augsburg, che perde 3-0 con le reti di Muller, Shaqiri e Luiz Gustavo. Marco Reus recupera il 3-3 per il Borussia nella sfida con il Wolfsburg, che era in vantaggio per 3-1 dopo dolo 30 minuti. Ancora lotta in fondo alla classifica per la salvezza. Lo Schalke abbandona quasi definitivamente i sogni di Champions con la sconfitta per 2-1 con lo Stoccarda.

Fabio Donolato

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews