Enna: Vanessa strangolata dal fidanzato

Vanessa Scialfa

Enna – E’ stato il fidanzato e convivente Francesco Lo Presti, 34 anni, ad uccidere Vanessa Scialfa, 20 anni. L’uomo è crollato dopo un lungo interrogatorio ed ha accompagnato gli inquirenti nel luogo dove aveva abbandonato il corpo. Tra i due ci sarebbe stato un litigio, forse scoppiato per gelosia. L’uomo avrebbe strangolato Vanessa, e dopo avere gettato il corpo dal cavalcavia della statale 117 bis, sarebbe andato dai carabinieri a denunciare la scomparsa della fidanzata, raccontando del litigio al termine del quale lei era uscita da casa.

I militari avevano interrogato Lo Presti per 12 ore, ma il giovane aveva continuato a dare la stessa versione dei fatti senza cadere in contraddizioni. Questa mattina Lo Presti è stato nuovamente sentito negli uffici della questura e nel suo racconto sarebbero cominciate ad emergere incongruenze. Messo sotto pressione, Lo Presti ha confessato.

Le modalità dell’omicidio sono ancora ignote, ma sembra che la ragazza sia stata strangolata all’interno dell’appartamento che i due condividevano. Lo Presti è in stato di fermo con l’accusa di omicidio e occultamento di cadavere, in quanto dopo lo strangolamento la ragazza è stata avvolta con cura in un lenzuolo e quindi gettata da un cavalcavia.

Disperati i genitori della giovane, che hanno chiesto di essere lasciati nel loro dolore. Il padre di Vanessa, Giovanni Scialfa aveva creato un gruppo su Facebook, lanciando un appello per le ricerche della figlia. Questa mattina il padre della ragazza, raggiunto telefonicamente, non aveva manifestato alcun sospetto nei confronti del convivente della figlia, ma si era detto preoccupato per un’assenza inspiegabile della ragazza, temendo che le fosse capitato qualcosa dopo che era uscita da casa.

Nella giornata di domani sono previsti i sopralluoghi nell’appartamento dove Vanessa viveva con il compagno: gli inquirenti devono ora ricostruire gli orari e gli spostamenti di Lo Presti per verificare quando ha gettato il corpo della giovane.

Alberto Staiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews