Elezioni 2013. Sondaggi elettorali: Berlusconi recupera 5 punti al Pd

sondaggi elettorali, elezioni 2013

Questa la situazione a due settimane dal voto secondo l'istituto Demos

Roma – A due settimane dal voto la distanza fra centrosinistra e centrodestra si fa sempre più stretta. Almeno se si fa riferimento ai sondaggi elettorali. A presentare questa situazione ci ha pensato l’Atlante Politico di Demos, secondo cui la differenza fra le due coalizioni principali si è ridotta di cinque punti e mezzo.

Questo avvicinamento è il frutto di tendenze simmetriche: da una parte il calo di consensi del Pd, dall’altra la crescita del Pdl grazie al lavoro di Silvio Berlusconi. Stando sempre a quanto affermano i sondaggi elettorali, nello specifico questo pubblicato da Demos, la causa principale, che ha portato il Pd sotto del 30% (per la prima volta da mesi) è lo scandalo che ha colpito il Monte Paschi di Siena. L’associazione dell’Istituto di credito sienese con il partito di Pierluigi Bersani è stata immediata. Sul versante opposto troviamo Berlusconi con le sue proposte assurde che, pur non ritenute credibili, sembrano aver trovato l’assenso di quegli elettori definiti “indecisi”.

La situazione, secondo Demos, sarebbe la seguente: il Pd al 29,9% (l’intera coalizione al 34,1%), il Pdl al 20,4% (con i suoi alleati al 28,6%), il M5S di Beppe Grillo al 16% insieme alla Scelta Civica di Mario Monti, infine Antonio Ingroia e la sua Rivoluzione Civile al 4%. Se ci si attiene, quindi, ai sondaggi elettorali, il rischio della frammentazione e dell’ingovernabilità è alto. Con questi numeri si può dire addio a una maggioranza stabile e solida, soprattutto in Senato. A quel punto Bersani, se dovesse vincere, sarà costretto a cercare un accordo con Monti per riuscire a guidare il Paese ed evitare quell’opposizione composta oltre che dalla coalizione di centrodestra anche dal M5S che risulta, secondo i sondaggi elettorali, ancora in crescita.

A prevedere la possibilità che si torni a votare tra qualche mese è lo stesso leader del Movimento 5 Stelle che, in un’intervista rilasciata a Il Secolo XIX, ha dichiarato: «E’ solo questione di tempo: se non facciamo il botto subito, lo faremo in autunno. Restando così la situazione, torniamo alle urne fra sei mesi». Per la gioia degli italiani.

Giorgio Vischetti

@GVischetti

foto|| demos.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews