Egitto: si potrà fare sesso con la moglie defunta

ROMA – Mentre fare sesso con un cadavere, in tutto il mondo, equivale a pura necrofilia, pare che in Egitto si tratti di un atto che potrebbe presto rientrare nelle vie legali.

Il Daily Mail riporta, infatti, la notizia relativa ad una nuova norma inserita in un pacchetto di provvedimenti da parte del parlamento, insieme legislativo che la maggioranza islamica voterà nel corso dei prossimi giorni.

Qualora la norma dovesse passare, si potranno avere rapporti sessuali con la propria consorte defunta fino a sei ore dopo l’avvenuto decesso. Per di più, anche il nome della legge ha qualcosa di relativamente ambiguo o maligno: “Rapporto di addio”.

La suddetta norma andrà discussa, inoltre, in concomitanza con l’ipotesi di abbassamento dell’età matrimoniale fino a 14 anni e l’eliminazione del diritto femminile all’istruzione e all’impiego lavorativo.

Ovviamente non sono mancate violente polemiche contornate da reazioni molto accese. Secondo il Consiglio Nazionale Egiziano per le Donne, dunque, «queste leggi emarginano e indeboliscono la condizione delle donne, incidendo negativamente sullo sviluppo del paese».

Anche i media egiziani non restano in silenzio. Il conduttore televisivo Jaber al-Qarmouty da manifestato sdegno sostenendo che «la questione è davvero seria. Sarebbe una catastrofe dare ai mariti un tale diritto sulle proprie mogli. Davvero la tendenza islamica si è spinta a tal punto? – si chiede il conduttore – Ci sono davvero persone che la pensano in questo modo?».

Ad ogni modo, c’è anche chi sostiene che questa legge non esista e sia nient’altro che una metodica di depistaggio da parte di giornalisti leali alle all’ex presidente Mubarak.

(Foto: leggo.it / giornalettismo.com)

Stefano Gallone

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Egitto: si potrà fare sesso con la moglie defunta

  1. avatar
    B. c. 28/04/2012 a 11:53

    Neanche la zoofilia è proibita nell’islam , come la necrofilia nel senso che non c’è un Hadd (punizione sugli atti contrari alla sharia)
    Purtroppo è questa la tradizione islamica – capace di annebbiare talmente tanto la coscienza da rendere lo sgozzamento un lecito , il tagliare gli arti , il lapidare.
    Voi non potete immaginare neanche il dramma che vivono i cristiani in quelle società , specialmente dopo il Sahwa (il risvegli) a partire dalla fine degli anni settanta

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews