Egitto: il referendum è guerra di cifre

egitto referendum

Egiziani al voto per la nuova costituzione

Il Cairo (Egitto) – È guerra di dati, numeri, dichiarazioni quella che si sta svolgendo in queste ore in Egitto. Al centro della contesa l’esito del referendum costituzionale, che deve confermare o bocciare il testo approvato dall’assemblea, a maggioranza musulmana.

Secondo i primi dati ufficiosi, i “sì” sarebbero il 56,5% dei voti, segnando una certa equivalenza tra le due posizioni in campo. Tuttavia le stime parlando di un ampio vantaggio dei “no” al Cairo e ad Alessandria, le città più popolose, con valori attorno al 70%, mentre nelle province esterne il vantaggio sarebbe tutto per i favorevoli al nuovo testo.

Nel frattempo sono molte le Ong egiziane che denunciano irregolarità nel voto, classificando quello di ieri come un “referendum alla Mubarak”. Il Fronte di sicurezza nazionale, che riunisce le opposizioni, conferma la spaccatura nel paese, causata dal testo costituzionale redatto perlopiù da una maggioranza islamista, che ha intenzione di recepire i principi della legge coranica nella nuova costituzione. Secondo l’opposizione laica, cristiana e liberale, i voti contrari al testo sarebbero quasi i 2/3 di quelli fin qui espressi.
Il rischio individuato da molti è un ritorno alle derive autoritarie e integraliste sotto la guida di Morsi.

Sabato prossimo ci sarà la seconda tornata del voto, con le altre province, per lo più aree rurali e tradizionaliste, che saranno chiamate a esprimersi. Quindi i dati ufficiali e definitivi, che chiariranno il destino dell’Egitto.
In caso la costituzione sia bocciata, Morsi dovrà riconvocare entro tre mesi i cittadini alle urne, per l’elezione di una nuova assemblea; più probabilmente il testo sarà approvato e si procederà ad attuarla, a partire dall’elezione del Parlamento, il quale potrebbe anche emendare il testo. Ovviamente un’approvazione “di misura” potrebbe comportare problemi per la gestione del paese e, comunque vada, la crisi egiziana non sembra vicina a una conclusione definitiva.

Andrea Bosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews