Eclissi solare, come e quando vederla. Attenzione al rischio blackout

Eclissi solare, l'evento più straordinario in natura, si ripeterà nel 2020. Consigli per godersi lo spettacolo mentre i gestori elettrici si preparano al blackout

solar-eclipse_2264575k

Nasi all’insù venerdì 20 marzo per uno spettacolo incredibile, l’eclissi solare dell’anno. Un fenomeno unico che si ripeterà soltanto nel 2020 quando avrà la sua zona di maggior visibilità in prossimità dell’Islanda. Quest’anno l’eclisse di sole coincide pure con l’equinozio di primavera. In Italia tra le 9:00 e le 11:45 la Luna oscurerà il Sole avvolgendo nelle tenebre parte dell’Europa del Nord. Il picco di massima oscurità sarà alle 10.40. Per qualche minuto l’eclissi del secolo, o eclissi dell’equinozio come qualcuno l’ha definita, anche qui da noi sarà buio: sarà un’eclissi parziale ma riusciremo a cogliere circa il 70 per cento del fenomeno. Le ultime sono avvenute l’11 agosto 1999 e il 4 gennaio 2011. Ma non è tutto oro quello che luccica.

LE CONSEGUENZE DELLA ECLISSI – Gli studiosi dello European Network of Transmission System Operator for Electricity, ENTSOE, non hanno lasciato nulla al caso e, a metà febbraio, hanno stilato un rapporto sugli effetti che l’eclissi avrà sull’energia elettrica prodotta dagli impianti fotovoltaici presenti in Europa. Nel Solar Eclipse 2015 hanno infatti stimato che, in relazione alla produzione giornaliera di 90 GW prodotta dagli impianti fotovoltaici presenti in Europa, l’eclissi comporterà una perdita di più di 30 GW in condizioni di cielo sereno.

1280px-partial_solar_eclipse_may_20_2012_minneapolis_minnesota_tlr1

Il calcolo di energia avviene tenendo conto dei seguenti fattori: potenza fotovoltaica installata, fattore di contemporaneità durante le ore di massima radiazione, fattore massimo di radiazione per anno in condizione di cielo sereno, fattori di radiazione per ciascuna ora del 20 Marzo in condizione di cielo sereno.

Ciò che preoccupa l’ENTSOE è che il quantitativo di energia solare persa, 35 mila MW, equivalente alla produzione di circa 80 centrali di medie dimensioni, andrà gradualmente calando all’inizio dell’eclissi solare prima di essere redistribuita nell’arco di due ore, mentre gli Europei iniziano una normale giornata lavorativa. L’evento pertanto viene visto anche come un banco di prova.

ITALIA, RISCHIO BLACKOUT – Ora, tenendo conto che in Italia ci sono 591.029 impianti fotovoltaici installati che producono una potenza pari a 18.053 MW, l’oscuramento nel nostro paese, stimato nel Solar Eclipse 2015, sarà pari al 59% e comporterà una perdita di potenza pari al 21%. Prima di noi solo la Germania subirà una notevole perdita, pari al 50% della produzione. I gestori di tutta Europa sono in allerta per garantire l’approvvigionamento di energia elettrica in caso di problemi.

DOVE E COME SEGUIRE L’ECLISSI SOLARE – L’evento inizierà intorno alle 9 circa, toccando il picco alle 10.31 a Roma, 10.32 a Milano e 10.26 a Palermo. Gli italiani avranno la possibilità di osservare l’eclissi solare complice anche un vortice di alta pressione che dovrebbe riportare il bel tempo sulla penisola. La visuale sarà però diversa a seconda che ci si trovi al nord o al sud. Difatti gli abitanti delle regioni del nord avranno la possibilità di ammirare il 70% del Sole coperto dal passaggio della Luna. Diversa invece al sud, dove l’oscuramento sarà del 50%. L’Unione Astrofili Italiani, UAI, ha organizzato dei Sun Party per ammirare l’evento su tutto il territorio.

Importante avere un’adeguata protezione per gli occhi, filtri specifici o lenti da saldatore, se non si vuole rischiare di incorrere in permanenti danni alla retina.

Silvia Paparella

@SPaparella

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews