Draghi vs Vichinghi: pronti alla sfida?

Dai creatori di “Shrek”, “Madagascar” e “Kung Fu Panda” arriva “Dragon Trainer”, la storia di un ragazzo e di un drago che insieme  scoprono di non essere poi tanto diversi l’uno dall’altro

di Veronica Leanza

 

Locandina

In tutte le sale cinematografiche è in programmazione un nuovo film d’animazione targato Dreamworks, un cartoon avventuroso, ambientato nel mondo di enormi vichinghi in perenne lotta contro draghi selvaggi. Il film, dal titolo originale “How to Train your Dragon”, è tratto dal libro per ragazzi di Cressida Cowell ed è il primo di altri dieci.

La storia parla di Hiccup, un giovane vichingo che vive in una landa desolata con la sua tribù: i viveri scarseggiano e, soprattutto, il villaggio è infestato dai draghi. Si sa, i vichinghi sono un popolo di gente cocciuta e, invece di spostarsi dalle loro case, preferiscono intrattenere un’incessante lotta contro i “temibili” e “crudeli” animali. Tutti tranne il giovane Hiccup.

Figlio del capo del villaggio, Hiccup è più piccolo degli altri membri della tribù ed è quindi inadatto al combattimento. Inoltre possiede una spiccata passione per la costruzione di armi e macchinari, e un innato talento nel cacciarsi nei guai. Questo fino a quando, all’insaputa di tutti, egli riesce a catturare il drago più forte e temuto: l’incontro ravvicinato con la terribile creatura, soprannominata Furia Buia, gli aprirà un mondo a lui sconosciuto dove scoprirà che, in realtà, i draghi possono essere amici affettuosi e leali, stravolgendo così le credenze di un’intera vita. Seguirà la nascita di una bellissima e dolcissima amicizia: Sdentato (questo il nome del drago) e Hiccup realizzeranno di essere complementari l’uno con l’altro. 

L’amicizia tra un ragazzo ed un drago è un  tema che, negli ultimi anni, è stato ripreso sia dal cinema che dalla letteratura per ragazzi, con romanzi come “Eragon” del giovane Christopher Paolini , o Le leggende del Mondo Emerso”, trilogia d’esordio dell’italianissima Licia Troisi, ma anche in TV, con film come “Dragon Heart” e “Dragon Heart 2” lanciati rispettivamente nel 1996  e nel 2000.  

I registi Dean DeBlois e Chris Sanders riescono, in chiave semplice e animata, a dimostrare il rapporto profondo che può nascere tra un uomo e un animale, un rapporto pieno d’affetto e complicità.  Il protagonista riesce a sfatare il mito dei draghi che sono visti come esseri crudeli e senza cuore. Dragontrainer risulta, così, essere un film classico ma allo stesso tempo moderno che ci racconta come persone e “animali”, anche se diversi per molti aspetti, possano in realtà avere molto in comune: tutti e due i protagonisti combattono contro qualcuno di più potente, cercano di conquistare la loro libertà, rischiando, così, di sacrificare qualcosa d’importante.

Con le voci originali di Gerard Butler (Stoick, papà vichingo), della Ugly Betty della serie TV, America Ferrera (Astrid) e di Jay Baruchel (Hiccup), Dragon Trainer si presenta come un film d’animazione per la famiglia, ma risulta essere anche l’ideale per una serata da passare tra amici, all’insegna della fantasia e del divertimento.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews