Doping ciclismo: Contador positivo

Sospensione provvisoria per il corridore ex Astana e vincitore dell’ultimo Tour de France: la positività risale proprio al 21 luglio, prima della tappa decisiva con scalata del Tourmalet. Annunciata una conferenza stampa per oggi in giornata, in cui lo spagnolo proverà a chiarire i risvolti di questa clamorosa vicenda

di Andrea Samele

GEELONG – Nel ciclismo ci si chiede ogni volta di più se vi siano notizie davvero in-credibili, o se ormai tutto ciò stia diventando dannatamente troppo normale. Alberto Contador è risultato positivo ad un controllo antidoping, con tracce di clenbuterolo (farmaco stimolante) nelle urine, nel corso del Tour de France concluso a braccia alzate nel testa a testa appassionante contro Andy Schleck.

Puntuale dunque la sospensione dell’UCI e l’inizio dell’iter procedurale con controanalisi che confermano il primo esito e tutta una serie di motivazioni e possibili risposte alle solite domande di cui, da appassionati di ciclismo, non si vorrebbe mai dover assistere per l’ennesima volta. E questa è una “volta” che fa male, un grande nome, un campione che, qualora confermate le accuse e comminata la squalifica, avrà inferto un altro duro colpo alla credibilità di uno sport malato e da anni in cerca di cura e guarigione: anni di successi
e di trionfi cancellati in un istante, come avvenuto per altri grandi come Valverde, il nostro Ivan Basso, Schumacher e non ultimo Davide Rebellin.

CONTAMINAZIONE ALIMENTARE? – A parziale sostegno di Contador c’è il fatto che le tracce di clenbuterolo sono minime, in misura inferiore alla soglia bandita dai regolamenti WADA e UCI: il corridore spagnolo e il suo staff, in attesa della conferenza stampa in programma alle 12, hanno già diffuso la notizia che si tratti di una contaminazione
alimentare, in conferma del fatto che da leader della corsa, Contador è stato controllato in maniera costante e a cadenza quotidiana, non risultando mai positivo per nessuna sostanza. Una faccenda sicuramente da chiarire, i cui risvolti rischiano di distogliere l’attenzione di tutti dal Mondiale in corso in Australia e di gettare nell’ombra la credibilità di un corridore che negli ultimi anni era riuscito a costruirsi un’immagine vincente, di carisma e autorevolezza in pista e fuori.

Foto | via http://news.bbc.co.uk

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews