Crisi: il premier domani alle Camere e giovedì con le parti sociali

Maurizio-Sacconi

Maurizio Sacconi

Roma – E’ prevista per oggi nel pomeriggio, al Ministero dell’Economia, una riunione del Comitato per la stabilità finanziaria. Scaletta dell’incontro tra il ministro Giulio Tremonti, la Consob, Bankitalia e Isvap sarà la difficile situazione nella quale vertono i mercati e il nostro settore bancario.

Di ieri la notizia, inoltre, che il premier Silvio Berlusconi, domani riferirà alle Camere sulla situazione economica italiana (prima alla Camera poi in Senato) mentre, giovedì si terrà l’incontro con le parti sociali.

Sacconi – ‹‹Siamo pronti al confronto con le parti sociali, da avviare nei prossimi giorni, ma abbiamo anche ragionato su un’agenda di cinque punti›› ha fatto sapere con un’ intervista sul Corriere della Sera, il ministro del Lavoro e del Welfare, Maurizio Sacconi, parlando dei progetti di rilancio dell’economia italiana ed esprimendo il desiderio che la ‹‹comune assunzione di responsabilità dia luogo a un tavolo operativo in modo da accelerare i cambiamenti che servono alla crescita. Tutti insieme possiamo superare le resistenze corporative  - dice il ministro – anche con opportune compensazioni o gradualità. Ci attendiamo che diventi un tavolo facilitatore››.

Il ministro elenca i temi che saranno affrontati durante gli incontri previsti nelle prossime ore: riduzione delle ‹‹ tasse con il disegno di legge delega, sostenere l’ internazionalizzazione delle imprese attraverso l’integrazione tra struttura diplomatica e rete Ice, stimolare l’impiego dei giovani attraverso la norma sul forfait del 5% e infine avviare una stagione di liberalizzazioni e privatizzazioni”.

Secondo punto: ‹‹occorre monitorare gli investimenti alle imprese›› e ‹‹vanno superati tutti i colli di bottiglia che rallentano la realizzazione delle opere pubbliche››.

Il terzo argomento che sarà affrontato in sede di vertici, ‹‹riguarda il ruolo delle banche e della finanza di impresa: bisogna esaminare quali fondi pubblico-privati sono stati avviati››.

Il quarto punto ‹‹sono le relazioni industriali, e quindi gli ammortizzatori sociali e la gestione delle crisi, compreso lo statuto dei lavori. Un aspetto significativo riguarda anche il tema della tregua sociale e quindi come regoliamo lo sciopero in presenza di investimenti. Poi – dice Sacconi – la detassazione e la decontribuzione della parte del salario espressa dalla contrattazione locale››.

Quinto e ultimo punto da discutere è ‹‹la sobrietà democratica›› ovvero, il taglio dei costi della politica. Inoltre, sul Corriere, Sacconi invita il Pd a non prestarsi ‹‹a operazioni che possano sospendere la politica. E’ il momento nel quale i due maggiori partiti devono dimostrare capacità di reciproco rispetto, sapendo che sono la garanzia di una solida democrazia dell’alternanza. L’alternanza – sostiene il ministro del Lavoro – non si costruisce nello sfascio ma si può edificare anche attraverso l’assunzione di una responsabilità che non significa fare un governo di unità nazionale››.

Un appunto viene fatto anche nei confronti dei propri esponenti di partito. “Vedo – dice Sacconi – una strana aggressività anche nei confronti del Pd che è, comunque lo si giudichi, uno dei due pilastri del sistema bipolare››. Inoltre, il ministro difende il collega dell’Economia, Tremonti: ‹‹Non c’é alcun caso Tremonti: ha la piena fiducia del governo e della maggioranza ed è saldamente sul ponte di comando. I mercati devono sapere che Tremonti è saldo››.

Alfano – Anche il segretario del Pdl, Angelino Alfano, approva la scelta di confronto fatta dal Governo con un’intervista a Tempi.it ‹‹La triplice scelta del presidente Silvio Berlusconi di convocare il Cipe, mercoledì mattina, per approvare il finanziamento di oltre settanta opere pubbliche strategiche per il Paese e per un importo di oltre 7 miliardi di euro; di riferire, mercoledì pomeriggio, alle Camere sulla situazione economica del Paese e di incontrare l’indomani mattina le parti sociali al fine di condividere diagnosi e possibili terapie in grado di fronteggiare la crisi economica del Paese, rappresenta la risposta piu’ efficace a chi chiede un passo indietro del Governo››.

Chantal Cresta

Foto || ansa.it

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews