Convegno sull’omofobia della diocesi di Caserta: polemica sul sindaco

Un convegno di area cattolico-conservatrice sull'omofobia e sulle leggi a Caserta accende il dibattito sui diritti e sulla politica

Pio Del Gaudio, sindaco di Caserta (repubblica.it)

Pio Del Gaudio, sindaco di Caserta (repubblica.it)

Caserta – Nell’occhio del ciclone questa volta la diocesi di Caserta e l’amministrazione comunale. A destare scandalo è la partecipazione del primo cittadino Pio Del Gaudio a un convegno dal titolo “La trappola delle leggi anti-omofobia: verso la promozione dell’omosessualità, dei matrimoni e adozioni omosessuali?”, organizzato da realtà vicine alla curia.

Il convegno – Il tema è quanto mai delicato, perché tocca come sempre la difficile distinzione tra discriminazione e libertà d’opinione, ampiamente trattata nei mesi scorsi anche in Parlamento e di difficile soluzione.
L’incontro del 15 novembre, che è stato organizzato da Alleanza cattolica e dai Giuristi per la vita, vedrà la partecipazione del sindaco e di monsignor Antonio Pasquariello, vicario generale della diocesi di Caserta.
Come spiegano gli organizzatori nei volantini, l’incontro servirà per trattare i problemi che «una eventuale approvazione della legge antiomofobia potrebbe comportare: potrebbe essere pericolosa per libertà di espressione di chi ha opinioni diverse dalla cosiddetta maggioranza sui matrimoni gay», anche se ci si affretta a precisare che i «gay hanno diritto ha una tutela fisica e morale, ma le opinioni differenti sui matrimoni gay non devono diventare penalmente perseguibili».

Il sindaco – La partecipazione del primo cittadino ha subito sollevato le proteste delle associazioni lgbt, che hanno bollato come omofobo il convegno stesso; Del Gaudio, però, si è affrettato a specificare che «è invitato solo per i saluti» e che parteciperà «in maniera asettica, per farmi un’idea su una realtà che non conosco perché la mia sessualità è chiaramente e orgogliosamente etero».

La comunità lgbt – Le proteste si sono ovviamente sollevate da parte della associazioni in rappresentanza degli omosessuali, che ha accusato l’iniziativa di «aumentare l’ostilità verso la comunità gay-lesbo-trans».
«Chiediamo, in virtù della libertà di opinione – spiega il Comitato ricostruzione arcigay Caserta – di  essere invitati quali relatori al convegno per esprimere le nostre posizioni, corredate da dati e ragionamenti oggettivi».

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews