Coldiretti: laureati italiani in fuga. Scatta oggi il ‘Click Day’

laurea

Roma – È inarrestabile la fuga dei laureati dall’Italia, lo denuncia la Coldiretti sulla base di uno studio elaborato su dati forniti dall’Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico). Un fenomeno che ha oggi ha coinvolto circa 400 mila tra chi può vantare un diploma universitario o un dottorato di ricerca. I giovani italiani cercano nuove prospettive all’estero, poiché il proprio Paese è incapace di offrire loro un futuro adeguato.

Chi ha investito tanto negli studi vorrebbe infatti trovare un’occupazione, ma questo sogno difficilmente si realizza. Ecco che allora si fanno le valigie, con la speranza di trovare fortuna lontano da casa. La mancanza di lavoro sta sfiorando livelli record, l’apice è stato raggiunto nel mese di agosto.

I dati parlano chiaro, i giovani laureati non hanno prospettive: il 7,9 per cento ha già abbandonato l’Italia, e contribuito a radicare quella che i media definiscono la “fuga dei cervelli”. Numeri che dovrebbero far riflettere soprattutto chi ha in mano gli strumenti per poter assicurare nuove prospettive e occasioni di lavoro per i giovani, il futuro del Paese. Chi ricopre cariche istituzionali si dovrebbe quindi adoperare al fine di adottare tutte quelle soluzioni utili per contribuire a offrire degli sbocchi lavorativi ai laureati.

Tuttavia, spesso le partenze non riguardano soltanto chi già è riuscito a conquistare con sacrificio e fatica un titolo di studio. Chi oggi ancora siede tra i banchi di scuola o frequenta il proprio percorso di studi universitario, è pronto a espatriare, pur di trovare un lavoro. Il 59 % dei giovani è pronto a fare questo passo, e l’Italia potrebbe trovarsi così senza un ricambio generazionale anche nelle istituzioni. Il nostro Paese conquista il primato anche per l’età matura di coloro che ricoprono posizioni di rilievo nella società, facendo così risultare troppo “vecchie” anche le soluzioni per arginare crisi e fuga delle menti brillanti.

Intanto alle 15 di oggi pomeriggio è scattato il “Click Day“, ossia la possibilità per le aziende italiane di prenotarsi e inoltrare richiesta per accedere alle agevolazioni in caso di assunzione di lavoratori under 30. Si tratta di un incentivo per introdurre i giovani nel mondo del lavoro,  anche se i sindacati si mostrano piuttosto scettici sulla validità dell’iniziativa.

Angela Piras

Foto: blog.tagliaerbe.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews