Cinema: le news del mese

mann

Michael Mann

E’ ufficiale: il prossimo lungometraggio di Michael Mann è The Big Stone Grid, poliziesco avente per protagonisti due detective alle prese con un racket di estorsioni. La vicenda si svolge a New York, ma Mann riscriverà la sceneggiatura con l’autore S. Craig Zahler spostando l’ambientazione nella sua Los Angeles.

Quasi confermato l’apporto di Steven Spielberg alla regia di Gods and Kings, progetto epico che ripercorre le gesta di Mosé. L’inizio dei lavori è previsto a marzo 2013. Partirà invece molto prima il “concorrente” Noah di Darren Aronofsky, kolossal dalle aspettative altrettanto elevate che narrerà la leggenda di Noé. Dopo i rifiuti di Christian Bale e Michael Fassbender – entrambi per impegni precedenti – il regista di Black Swan vuole Russell Crowe nel ruolo principale e Liam Neeson al suo fianco.

Per l’ex Gladiatore potrebbe essere il ruolo del rilancio tanto atteso, dopo un decennio di particine e film minori. Nonostante un’agenda già colma, Crowe potrebbe anche affiancare Will Smith in Winter’s Tale, fantasy con cui lo sceneggiatore Akiva Goldsman (premio Oscar per lo script di A Beautiful Mind) debutterà alla regia nel lungometraggio.

Molti ricorderanno sicuramente Corto circuito, commedia dell’86 diretta da John Badham e divenuta un piccolo cult soprattutto grazie alla simpatia dell’anomalo protagonista, il robot Numero 5. Dopo un veloce sequel girato due anni più tardi e presto dimenticato, adesso il ritorno vero e proprio sta prendendo concretamente forma. A script ultimato e approvato, la Dimension Film comincerà la pre-produzione diramando i primi nomi dei coinvolti nel progetto. Questione di settimane.

Se a volte i sequel sono pure continuazioni, magari anche benvenute, in altri casi rischiano di intaccare la Storia del Cinema. E’ il caso del nuovo Blade Runner, annunciato in via ufficiosa parecchi mesi or sono. Dopo alcuni tentennamenti iniziali, Ridley Scott si era detto disposto a imbracciarne la regia una volta realizzati i film messi in cantiere in precedenza, mentre Harrison Ford aveva preferito tirarsi fuori dai giochi. Dagli ultimi aggiornamenti sembra però che l’attore ci abbia ripensato. Comunque vada, il regista ha assicurato che il Blade Runner numero due non si allaccerebbe ai personaggi del film capostipite. Ad ogni modo, al momento il progetto non sembra rientrare fra le sue priorità: dopo Prometheus, Scott intende dirigere The Counselor, su sceneggiatura di Cormac McCarthy.

La scomparsa di Eleanor Rigby sarà diviso in due parti: una seguirà il protagonista maschile, la seconda osserverà la stessa situazione dalla prospettiva della consorte. La trama è incentrata su un momento difficile della vita di una giovane coppia newyorkese. Per le parti principali si parla di Joel Edgerton e Jessica Chastain, già insieme al lavoro sul set del prossimo film di Kathryn Bigelow su Osama Bin Laden, ancora senza nome. Il cast di Eleanor Rigby potrebbe presto arricchirsi ulteriormente con William Hurt.

A proposito di progetti senza titolo, fra i più stuzzicanti ne spiccano due in particolare. Il primo è un thriller firmato dallo sceneggiatore Steve Knight (La promessa dell’assassino) che avrà molto probabilmente per protagonisti Eric Bana e Rebecca Hall. Il secondo può già vantare Spike Jonze alla regia; Joaquin Phoenix ha prenotato il ruolo principale, mentre per il posto al suo fianco è lotta fra Amy Adams, Carey Mulligan e Samantha Morton. La sceneggiatura porta – ovviamente – la firma di Charlie Kaufman, parallelamente impegnato con la sua seconda opera da regista: Frank or Francis. Dopo Jack Black, Steve Carrell, Nicholas Cage e Kevin Kline, al pregevole cast si sono aggiunte Kate Winslet e Catherine Keener. Quest’ultima si è contemporaneamente aggregata anche alla squadra di Captain Phillips, prossimo film di Paul Greengrass con Tom Hanks protagonista.

Mickey Rourke, si sa, è inamovibile quando decide di sacrificare anima e corpo per un ruolo. Nel prepararsi a impersonale il rugbista gallese Gareth Thomas, primo omosessuale dichiarato a praticare tale sport, l’attore di The Wrestler si è sottoposto ad alcuni interventi di chirurgia plastica volti a eliminare il divario di età (vent’anni) con il personaggio. Del film in sé si conosce poco, ma la dedizione psicofisica di Rourke è motivo sufficiente a porre il progetto nella lista degli attesissimi. A prescindere da tutto il resto.

Mathias Falcone

Foto || cdn.blogosfere.it; cinememory.free.fr (lapress.com)

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews