Caso Mediaset, Berlusconi attacca i giudici: «Paese barbaro»

Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Non si è fatto attendere il commento di Silvio Berlusconi dopo la lettura della sentenza di primo grado del tribunale di Milano, che lo ha condannato a 4 anni per frode fiscale. L’ex premier, fresco di rinuncia alla candidatura come eventuale leader del governo in vista delle prossime elezioni, ha aspramente criticato l’esito del processo Mediaset ai microfoni del telegiornale di Italia Uno: «E’ la conferma di un vero e proprio accanimento giudiziario».

Il Cavaliere si è dunque detto sorpreso dalla decisione dei giudici, a fronte della certezza di essere assolto da «un’accusa totalmente fuori dalla realtà». Dunque, ha rincarato la dose accusando la magistratura di aver emesso una sentenza dettata in realtà da una finalità di tipo politico. Una condotta di questo tipo sarebbe poi colpevole di trasformare l’Italia in un Paese «incivile, barbaro, invivibile». Secca invece la smentita circa l’eventualità di una connessione tra la condanna e la scelta di fare un passo indietro sul fronte politico: «Nessuna connessione. Io e i miei avvocati ritenevamo impossibile una condanna in questo processo».

A condividere le perplessità di Berlusconi è poi l’erede da lui stesso originariamente designato come guida del centro-destra, Angelino Alfano. Alfano ha affidato a una breve nota il proprio stupore per l’evoluzione del processo Mediaset: «E’ l’ennesima prova di un accanimento giudiziario nei confronti di Silvio Berlusconi. Una condanna inaspettata e incomprensibile con sanzioni principali e accessorie iperboliche. Siamo certi che i prossimi gradi di giudizio gli daranno ragione e speriamo che questi giudizi giungano in fretta».

Per il momento, la condanna è di 4 anni, che scendono però a uno per effetto dell’indulto. Disposti inoltre un risarcimento del danno pari a 10 milioni di euro all’Agenzia delle Entrate e l’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni. La sentenza prevede inoltre tre anni di interdizione dagli uffici direttivi delle imprese.

Mara Guarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews