Carpooling, cresce l’interesse in tutta Italia

Milano – Un tempo c’era l’autostop, un sistema pratico e romantico per viaggiare a basso costo. Con il rischio però di far salire a bordo persone poco raccomandabili. Oggi la soluzione innovativa e sicura per viaggiare in auto risparmiando si chiama carpooling. In Italia il sito di riferimento per chiedere un passaggio e condividere la propria auto è Postoinauto.it, che proprio in questi giorni festeggia il primo anno di vita.  Il portale rappresenta una community di migliaia di utenti che mettono a disposizione i loro posti liberi in auto per andare al lavoro, per tornare a casa nel fine settimana, ma anche per andare in vacanza a prezzi vantaggiosi.

Per festeggiare il compleanno il portale ha reso pubblici alcuni dati sulla condivisione dell’auto in Italia, evidenziando come anche nel nostro Paese questo servizio si stia diffondendo sempre di più. I numeri del sito parlano di quasi 7mila utenti registrati, circa 14mila fan Facebook, quasi 30mila posti auto condivisi e un risparmio potenziale di emissioni CO2 che sfiora le 150 tonnellate. Dai dati emerge che la maggior parte dei carpooler sono giovani: sempre più studenti preferiscono chiedere un passaggio in auto per i propri spostamenti casa-università.

A venire incontro al carpooling sono sicuramente la crisi economica e i rincari dei prezzi dei carburanti e dei pedaggi autostradali. “Molti automobilisti – racconta Olivier Bremer, cofondatore del sito – sono alla ricerca di alternative per ridurre le spese di trasporto. Offrendo un passaggio ad altri utenti di postoinauto.it possono risparmiare gran parte delle spese di viaggio, per un risparmio complessivo che può raggiungere le centinaia o migliaia di euro ogni anno”. Bremer è soddisfatto della continua crescita di questo servizio: “Quando siamo partiti a febbraio 2010 erano pochissimi gli italiani che conoscessero il termine carpooling. Oggi, a distanza di un anno, la situazione è ben diversa: anche se il divario rispetto ad altri paesi europei come la Germania e la Francia è ancora notevole, notiamo che sempre più persone si stanno rendendo conto anche in Italia che offrire o chiedere un passaggio su postoinauto.it è un gesto normale, come prendere il treno”.

Ma cosa distingue il carpooling dal caro vecchio autostop? Sicuramente la sicurezza. “Da noi i passaggi si possono prenotare online – conclude Bremer – e non attraverso telefonate o scambi di email in privato. Un vantaggio notevole: solo la prenotazione online consente di tracciare chi offre e chi prenota dei passaggi, requisito indispensabile per poter intervenire in caso di rischi per la sicurezza”. E’ l’applicazione del modello Ebay al concetto di autostop, che in questo modo si trasforma in un servizio all’avanguardia.

Roberto Cassaro

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

2 Risponde a Carpooling, cresce l’interesse in tutta Italia

  1. avatar
    RoadSharing 23/02/2011 a 17:24

    Segnalo per completezza anche il portale http://www.roadsharing.com attivo dal 2008 che offre un servizio completamente gartuito di carpooling.

    Con oltre 40.000 utenti iscritti è la piattaforma più attiva in Italia con utenti che arrivano a risparmiare anche € 400 al mese sulle tartte di lunga percorrrenza come Milano – Roma effetuate ogni fine settimana.

    Rispondi
  2. avatar
    Roberto 23/02/2011 a 19:58

    Grazie per la segnalazione. E’ importante che servizi di questo tipo vengano segnalati per favorirne la diffusione in un’ottica di risparmio costi e salvaguardia dell’ambiente.

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews