Carovita. Spese raddoppiate in 20 anni per l’automobile di casa

auto

ansa.it

Roma – Caro macchina, quanto mi costi! E’ il caso di dirlo dopo la divulgazione del Conto nazionale delle Infrastrutture e dei trasporti 2010-2011, pubblicato dal Ministero. In 20 anni la spesa degli italiani per il mantenimento delle autovetture private è più che raddoppiata, assestandosi nel 2010 a 103,7 miliardi di euro. Un salasso in cui i  carburanti sono certamente la voce più pesante. Benzina e oli bruciano quasi la metà della spesa complessiva e il loro costo è aumentato del 170%. 

Forti anche le spese per l’esercizio e la manutenzione ordinaria delle auto.  Secondo quanto raccontano i dati ministeriali, l’esborso è passato dai 47,283 miliardi del 1990 ai 103,714 miliardi del 2010, con un aumento del 119,3%. Inoltre, al netto degli interessi sul capitale investito, le spese di esercizio delle auto nel 2010 ammontavano a 93,934 miliardi, di cui il 44% era per carburanti, il 18% a spese per manutenzione ordinaria, il 17% a spese per assicurazioni e poco meno del 6% per tasse automobilistiche. Il restante 15% era relativo al posteggio, cambio pneumatici, lubrificanti e pedaggi autostradali.

Il costo dei carburanti è aumentato in 20 anni del 169,9%. Così nel 2010 le spese per benzina e gasolio sono ammontate a 41,156 miliardi di euro, contro i 15,246 miliardi del 1990, periodo in cui la spesa per carburanti costituiva era solo l’un terzo di quella complessiva per il mantenimento dell’automobile.

Le spese per la manutenzione e riparazione ordinaria, invece, sono aumentate in 20 anni del 127,9% e quelle per l’assicurazione Rc Auto hanno toccato punte del 202,5%, assestandosi a 15,649 miliardi nel 2010.

Invece, costi ancora contenuti per i lubrificanti, unica voce che nell’arco di 20 anni ha subito una riduzione passando a 1,120 miliardi nel 2010 dai 1,491 miliardi del 1990.

Quindi, a conti fatti, gli ultimi vent’anni sono stati i più cari di sempre per l’uso dell’auto, toccato il livello più alto nel 2008, quando la benzina era a circa 1,5 euro e pesava per il 41% della spesa complessiva. A partire da questi giorni, i record saranno alti.

Chantal Cresta

Foto || ansa.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews