Carabiniere di giorno, mostro di notte: abusava di giovani turiste

Dino Maglio, carabiniere di giorno e mostro di notte: offriva ospitalità a giovani straniere attraverso il sito Couchsurfing, poi le drogava e le stuprava

(Fonte foto: www.mattinopadova.gelocal.it)

(Fonte foto: www.mattinopadova.gelocal.it)

Padova – Un carabiniere padovano di trentacinque anni ospita ragazze straniere a casa sua attraverso il sito Couchsurfing e poi le stupra. Il Couchsurfing è una modalità di ricerca e offerta di ospitalità in Paesi stranieri, alla quale si accede tramite apposito sito internet. Sul sito ci si può registrare sia come “ospitante”, con la pubblicazione di foto personali e dell’abitazione nella quale si intende ospitare, che come “ospite”, soprattutto quando si deve risiedere in un luogo per poco tempo. È così che l’uomo adescava ragazze straniere per poi, di notte, drogarle e stuprarle. Fino ad oggi, il carabiniere ha ricevuto sedici denunce.

LA VICENDA – La storia di Dino Maglio è stata diffusa da «L’Espresso»: la cosa più inquietante è che il carabiniere ha continuato a stuprare le ragazze che ospitava anche dopo essere stato arrestato ed essere stato posto ai domiciliari la prima volta. Adesso l’uomo si trova in carcere ed è stato sospeso dall’Arma dei Carabinieri, ma prima di questo epilogo, è riuscito a violentare ben sedici donne, tra cui anche minorenni. E in verità queste sedici sono solo quelle che lo hanno denunciato. Il timore è che molte non lo abbiano fatto, per vergogna o per paura, anche perché l’uomo le minacciava dicendo loro che, essendo un carabiniere, sarebbe risalito ai loro numeri di telefono e indirizzi.

(Fonte foto: www.itineraricamper.it)

(Fonte foto: www.itineraricamper.it)

Le ragazze hanno raccontato, secondo quanto si apprende dai giornalisti dell’Irpi – Investigative Reporting Project Italy – che il primo giorno il carabiniere era gentilissimo, faceva loro da cicerone in giro per la città e cucinava. E il problema era proprio quello: Maglio accompagnava la cena con una specialità, un vino particolare nel quale scioglieva una pastiglia di Tavor, che è un potente ansiolitico, il quale tramortiva le ragazze. Una volta svenute, o quasi, il carabiniere le violentava.

I giornalisti dell’Irpi sono riusciti a raccogliere le testimonianze di sedici ragazze: polacche, canadesi, portoghesi, ceche, tedesche, americane. Solo sei di loro però hanno presentato una denuncia ufficiale alla procura di Padova, mentre le altre hanno solo accettato di rendere pubblica la loro esperienza.

Mariangela Campo

@MariCampo81

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews