Blu cancella i murales Brothers e Chains a Berlino per protesta

Spariti due capolavori della street art: i murales Brothers e Chains di Blu, a Berlino. A cancellarli è stato lo stesso artista. Per protesta...

blu-murales-berlino-brothers-chains-cancellati

Quello che resta di Chains (a sinistra) e Brothers (a destra), i due giganteschi murales di Blu a Berlino (Twitter @ziguline)

AGGIORNAMENTO ORE 17.00: Blu ha confermato la cancellazione dei murales Brothers e Chains a Berlino sul suo blog personale. «Tra il 2007 e il 2008 – scrive ho realizzato due murales a Berlino in Cuvrystraße, con l’aiuto di Lutz, Artitude e dei suoi volontari. Nel 2014, dopo le testimonianze dei cambiamenti che hanno coinvolto l’area negli ultimi anni, ho deciso che era giunto il tempo di cancellarli»

L’avanzamento dei lavori di cancellazione dei murales (blublu.org)

In una notte, quella tra l’11 e il 12 dicembre, sono spariti due degli esempi di street art più famosi e suggestivi al mondo. Brothers e Chains, giganteschi murales del conosciutissimo writer italiano Blu, creati tra il 2007 e il 2008 nel quartiere di Kreuzberg a Berlino, sono spariti sotto una mano di densa vernice nera. Oscurati nella notte ad opera di un lavoro certosino effettuato non da un vandalo, ma da una ditta autorizzata con tanto di camion con braccio telescopico. E lo sconcerto è grande, soprattutto considerando quello che è ritenuto il mandante della cancellazione: lo stesso Blu.

I CAPOLAVORI - Le opere in questione raffiguravano rispettivamente due fratelli intenti a scoprirsi il capo a vicenda dal passamontagna – Brothers – e la figura di un individuo senza testa intento ad aggiustarsi il nodo della cravatta, con i polsi attanagliati a mo’ di manette da due orologi d’oro – Chains. I murales, di grande suggestione ed impatto visivo, erano divenuti vera e propria meta di pellegrinaggio artistico e turistico. Tuttavia negli ultimi mesi era stata annunciata una riqualificazione dell’area all’interno della quale le due opere erano state dipinte: un terreno di una zona di Berlino a lungo occupato da senzatetto ed artisti provenienti da tutto il mondo.

blu-berlino-chains-brothers

I murales originali (Twitter @SHTCLG)

SUPERMERCATO E APPARTAMENTI VISTA MURALES - La riqualificazione comprendeva però la costruzione di 250 appartamenti ed un supermercato. Secondo voci ben confermate, i prezzi degli appartamenti sarebbero stati fatti lievitare oltre la valutazione di mercato, proprio a causa della vista sui murales di Blu. La cancellazione, secondo il blogger Dmitry Paranyushkin, non essendo stata ordinata né dal Comune di Berlino nè dai proprietari dell’area, sarebbe quindi stata organizzata dallo stesso Blu. L’artista, contrario alla speculazione avvenuta ai danni della sua opera e a vantaggio di chi ha costruito gli appartamenti affacciati su Brothers e Chains, ha preferito privare tutti della vista ormai familiare della sua realizzazione.

Le due gigantesche figure sono state dipinte completamente di nero. E il messaggio che figurava in alto a destra del murales Brothers, Reclaim your city, è stato cancellato solo parzialmente. Ora si legge Your City, accanto ad un fondale completamente nero. Un segnale fin troppo forte da poter essere ignorato. I tag preesistenti al di sotto del murales di Blu non sono stati toccati dalla cancellazione, in una sorta di rispetto tra writers. Un ulteriore indizio che porta alla cancellazione per mano dello stesso Blu, artista italiano originario di Senigallia ma di stanza a Bologna. Che ha preferito sacrificare un proprio capolavoro conosciuto in tutto il mondo piuttosto che consentire ai palazzinari made in Germany di usarlo per speculare.

IL VIDEO DEL WORK IN PROGRESS DI BROTHERS A BERLINO

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews