“Best actress. Dive da Oscar” glamour a Torino

Best actress. Dive da Oscar (arte.sky.it)

Best actress. Dive da Oscar (arte.sky.it)

La notte degli Oscar le luci sono tutte puntate sulle dive: cosa indosseranno e come saranno pettinate, quali gioielli sfoggeranno, chi le accompagnerà e cosa trasmetteranno tramite il linguaggio del corpo… Le attrici catalizzano l’attenzione di un evento mondiale ed ora anche quella di Torino con la mostra Best actress. Dive da Oscar.

Il Museo Nazionale del Cinema di Torino presenta dal 3 aprile al 15 agosto 2014, in prima mondiale, la mostra dedicata alle dive del cinema, che raccoglie oltre 370 pezzi provenienti da collezioni private e molto altro ancora in un allestimento sfolgorante. Abiti da cerimonia, costumi di scena, bozzetti, ritratti, sequenze di film e backstage della premiazione e insieme i biglietti di invito, i ringraziamenti, i manifesti e molti altri elementi che contribuiscono a ricreare la magia della notte degli Oscar.

La mostra ideata da Stephen Tapert, esplora un segmento della storia del cinema attraverso le grandi dive celebrando le donne, le loro interpretazioni, l’impegno sociale e carriere spesso ardue prima di raggiungere il successo e insieme ripercorre lo storico connubio tra cinema e moda.

PERCHÉ LE DIVE? – ‘Best actress. Dive da Oscar’ è un omaggio alle 72 donne che, dal 1929 al 2014, hanno ricevuto la prestigiosa statuetta dorata come riconoscimento per la migliore interpretazione femminile dell’anno. L’Oscar è il premio più antico conferito ad una donna, in un contesto in cui ha minor peso e considerazione dell’uomo, ma un impatto molto più forte di questo. Quest’anno, Cate Blanchett nel discorso di ringraziamento, ha evidenziato quanto sia ancora diffusa nel cinema la tendenza a considerare film di nicchia le storie di donne e quanto sia tuttora privilegiato il corpo rispetto alla sua intelligenza dell’attrice, per questo i ruoli da protagonista femminili incidono solo per il 16% nella produzione cinematografica complessiva.

Dive da Oscar esalta la straordinarietà del percorso evolutivo femminile e il ruolo del cinema nello stimolare questo processo, considerando che in passato alle donne era vietato recitare.

Anna Magnani e Sofia Loren, le due attrici italiane vincitrici di premio Oscar

Anna Magnani e Sofia Loren, le due attrici italiane vincitrici di premio Oscar

Tra le attrici premiate, le due meravigliose italiane sono state Anna Magnani nel 1956 con il film ‘la rosa tatuata’ e poi Sofia Loren nel 1962 con ‘la ciociara’ che in seguito ricordò ‘non riuscivo a crederci, è stata indiscutibilmente l’emozione più grande della mia vita’.

E tante sono le indimenticabili vincitrici del premio Oscar: nel 1941 Ginger Rogers con Kitty’ Foile, ragazza innamorata’, nel 1945 Ingrid Bergman – già famosissima per aver recitato in Casablanca – con ‘angoscia’, nel 1954 Audry Hepburn con ‘vacanze romane’ che capovolgendo la storia di Cenerentola e sostituendo il cavallo con una Vespa è diventata famosa in tutto il mondo, nel 1955 Grace Kelly con ‘ragazza di campagna’ che dopo l’Oscar sposa Ranieri III, nel 1961 Elisabeth Taylor con ‘Venere’, nel 1969 Barbara Streisand con il film musicale ‘Funny girl’, nel 1988 la brillante Cher – una piacente vedova italioamericana –  che scopre la passione con ‘stregata dalla luna’, nel 1992 Jodie Foster ‘il silenzi degli innocenti’, nel 1996 Susan Sarandon con il drammatico ‘dead man walking’, nel 1999 Gwyneth Paltrow che con ‘Shakespeare in love’ che deve travestirsi da uomo per poter recitare, nel 2001 Julia Roberts con ‘Erin Brockovich’, nel 2003 Nicole Kidman con ‘the hours’, nel 2009 Kate Winslet con ‘the reader’, nel 2011 Natalie Portman con ‘il cigno nero’ e nel 2013 Jennifer Lawrence con ‘il lato positivo’.

La mostra Best actress. Dive da Oscar (arte.sky.it)

La mostra Best actress. Dive da Oscar (arte.sky.it)

IL PREMIO OSCAR – Academy Award of Merits è il vero nome del riconoscimento cinematografico più famoso e ambito al mondo e meglio noto come premio ‘Oscar’. Istituito nel 1928 dall’Academy of Motion Picturte Arts and Sciences, composta da personalità di spicco tra attori e registi che si occupano anche di conferire i premi, pare prenda il nome Oscar nel 1930 a seguito dell’esclamazione di una bibliotecaria dell’Academy, Margaret Herrick, che riscontrava una forte somiglianza tra la statuetta dorata, che da sempre rappresenta il premio, e suo zio Oscar.

La ben nota statuetta che premia il vincitore è diventata il simbolo di questo mondo e rappresenta un guerriero poggiato ad uno spadone su una pellicola cinematografica. Sembra molto imponente nella sua rappresentazione che costeggia il famoso red carpet lungo circa 500 metri del Kodak Theatre ma riacquisisce la sua vera dimensione tra le mani dei vincitori: misura solo 35 cm.

A rendere unica questa kermesse e farla diventare una delle cerimonie di più grande impatto mondiale, l’edizione 2014 è stata seguita da oltre 1 miliardo di telespettatori distribuiti nei 5 continenti, sono i protagonisti di questo mondo affascinante: gli attori, i registi, gli sceneggiatori, gli stilisti, i costumisti, i designer e tutti colori che transitano in questo mondo, ma prime tra tutte le donne.

Antonella Nalli

@a_enne_ti

Foto: arte.sky.it

 

MUSEO NAZIONALE DEL CINEMA – MOLE ANTONELLIANA
Via Montebello, 20 Torino

lun. chiuso

mar. merc. gio. ven. 9.00 – 20.00

sab. 9.00 – 23.00

biglietto: 9.00€ – 7.00€ – 2.50€

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews