Berlusconi alla carica. Parte l’assalto per il processo breve

Al “no” dei finiani si aggiunge quello di Casini, mentre La Russa minaccia la caduta del governo in caso di mancata approvazione

di Nicola Gilardi

Ministro della Difesa, Ignazio La Russa

ROMA – Nessuna novità all’orizzonte della politica italiana. Il dibattito, infatti, riprende su uno dei punti di maggiore tensione per il governo Berlusconi: il processo breve. Nonostante i buoni propositi del Pdl, cresce l’eco dei no al quale si è aggiunto anche l’Udc di Casini, uno dei papabili all’entrata nel governo. Ma a contrastare l’operato del premier c’è il solito fuoco amico dei finiani, che mantengono la linea della dissidenza, criticando da più parti il provvedimento.

A riattizzare le polemiche, e a punzecchiare gli uomini di Fini, è intervenuto il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, che ha rivendicato l’approvazione del disegno di legge alla Camera anche grazie al voto dei finiani: «Il processo breve – ha dichiarato il ministro – non è materia da rimettere in discussione. Il testo è stato approvato dal Senato e quel testo dovrà essere approvato dalla Camera».

Berlusconi sembra puntare molto sul provvedimento ed ha tirato le redini della maggioranza per ottenere un’approvazione in tempi rapidi. La Russa infatti ha alzato il tiro annunciando a priori una possibile caduta di governo in caso di mancata approvazione a Montecitorio. «Se non lo voteranno prenderemo atto che non c’è più la maggioranza….».

Il capogruppo di Futuro e Libertà alla Camera, Italo Bocchino

Questo testo, però, non piace agli uomini del presidente Fini. «Condividiamo l’esigenza che i processi in Italia vengano celebrati in tempi ragionevoli. E per questo sono decisivi gli investimenti nella giustizia. Il problema della legge approvata dal Senato è che contiene dei passaggi, la norma transitoria, discutibili» ha dichiarato il capogruppo di Futuro e libertà alla Camera, Italo Bocchino. Ancor più decisa è la perplessità di Fabio Granata che ha paragonato il provvedimento ad una «prescrizione mascherata» dichiarando poi: «Quel testo arrivato dal Senato non è votabile se non viene modificato».

Per Carmelo Briguglio le ripercussioni del processo breve sarebbero devastanti: «Il ministro Alfano al Senato spiegò che le ricadute della legge avrebbero riguardato non più dell’1% dei processi in corso. In realtà, secondo tutti gli esperti, cadrebbero in prescrizione tra il 20 e il 40% dei processi in corso. Per dirla con il professore Vittorio Grevi, la legge è in realtà un’amnistia mascherata».

Un parere negativo arriva anche dall’Udc, che sembra chiudere definitivamente la trattativa con Berlusconi. Casini, infatti, ha negato un eventuale appoggio dichiarando: « Se vogliamo pensare a una tutela per le alte cariche, siamo disponibili. Ma cancellare centinaia di processi per farne finire uno o due sarebbe una follia. Di tutto il Paese sente il bisogno, tranne che di un’amnistia».

L’approvazione del testo, quindi, sembra essere piuttosto difficoltosa. Il gruppo dei finiani può contare su un numero più consistente di deputati alla Camera rispetto al Senato e se il Pdl vorrà fa passare il processo breve, dovrà evitare le assenze e serrare i ranghi. Una tensione al quale Berlusconi dovrà abituarsi per giungere sano e salvo al termine della legislatura.

Foto: www.blog.lasiciliaweb.it; www.assoartisti.org; www.melomane-news.blogspot.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Berlusconi alla carica. Parte l’assalto per il processo breve

  1. Pingback: Berlusconi alla carica. Parte l’assalto per il processo breve | Politica Italiana

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews