Audrey a Roma, l’amore eterno

ROMA – Continua fino al 4 dicembre la mostra fotografica Audrey a Roma – Esterno giorno ospitata dal  Museo dell’Ara Pacis.

In occasione del cinquantesimo anniversario di Colazione da Tiffany, la città eterna celebra una diva che l’ha molto amata, scelta e profondamente vissuta, sia da un punto di vista cinematografico che personale. In esposizione foto e un video esclusivo a raccontare la sua vita lontana dalle scene, ma anche oggetti personali e abiti di Givenchy e Valentino, che hanno poi dato vita a un intramontabile “stile Audrey”.

Tre percorsi che ricostruiscono la figura di Audrey Hepburn e il suo legame con Roma e che tendono a corrispondere, con molti necessari punti di contatto tra loro, alle tre diverse anime della Hepburn: l’attrice, la diva sotto i riflettori e la donna privata.

La sezione “Lavoro sul set” raccoglie trenta film dell’attrice, di cui tre girati con la straordinaria scenografia naturale di Roma; come dimenticarla in Vespa in Vacanze romane o nel colossal Guerra e pace o ancora nel suo primo film a colori, La storia di una monaca.

La sezione “Sotto i riflettori” presenta il fascino ufficiale della diva, quello delle luci, delle serate di gala e delle premiazioni e ritrae in questo modo anche quel glamour straordinario di quando Roma era l’Hollywood sul Tevere, il tempio dorato del cinema ma anche della mondanità.

“Lontano dalle scene” è invece il percorso che guarda alla vita privata di una donna, di una moglie e di una madre che sapeva essere piena di raffinatissimo charme anche semplicemente passeggiando per la capitale, facendo la spesa o occupandosi dei figli. È proprio tale grazia innata, tale naturalezza, tale bellezza quasi inconsapevole ad averne fatto un’icona di stile, di misura e di eleganza.

Molto di questo sguardo privato e privilegiato lo si deve al curatore, Luca Dotti, secondo figlio della Hepburn, che ha collaborato – insieme a Ludovica Damiani – anche al libro uscito in contemporanea alla mostra, dal titolo Audrey a Roma ed edito da Mondadori.

Parte del prezzo del biglietto sarà devoluto all’Unicef, a sostegno di quei progetti a cui Audrey Hepburn ha dedicato larghissima parte del suo ultimo periodo di vita e che sarà documentato attraverso immagini di viaggio delle sue missioni tra i bambini di Bangladesh, Vietnam, Somalia, Sudan, Etiopia e America Latina.

Oltre a tutto quanto già noto, anche tratti nascosti o celati, una personalità sicuramente inimitabile e ispirata solo a se stessa, un fascino tout court capace di scendere anche dal tappeto rosso restando comunque, forse proprio per questo, una diva immortale.

Orario Dal 26 ottobre al 4 dicembre 2011 ore 9.00 -19.00. L’ingresso è consentito fino alle 18.00 – chiuso il lunedì

La mostra è straordinariamente aperta al pubblico ogni sabato sera, dal 29 ottobre 2011 al 3 dicembre 2011 dalle ore 20.00 all’1.00 (ultimo ingresso ore 24.00) con la consueta bigliettazione.

Biglietto d’ingresso € 10,00 intero; € 8,00 ridotto (di cui € 2,50 di integrazione mostra interamente devoluti in beneficenza all’UNICEF)

Per i cittadini residenti nel Comune di Roma (mediante esibizione di valido documento che attesti la residenza) € 9,00 intero – € 7,00 ridotto (di cui € 2,50 di integrazione mostra interamente devoluti in beneficenza all’UNICEF)

Informazioni 060608 (tutti i giorni ore 9.00-21.00)

(Foto: beilibri.it / romesmovie.wordpress.com)

Marina Cabiati

 


 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews