Astensione: perché gli italiani non votano più (e non hanno tutti i torti)

astensione

Anche se può sembrare banale dirlo, il vero vincitore delle elezioni regionali in Emilia Romagna e in Calabria è l’astensione. Chissà se i nuovi governatori la notte scorsa hanno festeggiato. Se fosse così, sarebbe veramente curioso, visto che è sotto gli occhi di tutti che la maggioranza dei cittadini li ha metaforicamente mandati a quel paese. Ma quali sono le ragioni di questa astensione da percentuali imbarazzanti per l’intera classe politica italiana?

PANCIA VUOTA - Il primo motivo è la crisi economica. Finché gli italiani (o almeno la maggior parte di essi) hanno avuto abbastanza soldi in tasca non si sono dimostrati particolarmente sensibili ai problemi dei politici. Ma adesso che i soldi non ci sono più, è sotto gli occhi di tutti che i presidenti del Consiglio e i ministri di diverso colore politico che si sono susseguiti negli ultimi anni a tutti hanno pensato tranne che a risollevare il paese. Può sembrare pura demagogia, ma non lo è. Altrimenti i dati sull’astensione non sarebbero così alti.

TUTTI INSIEME APPASSIONATAMENTE - C’è anche una motivazione politica. L’incapacità dei partiti politici di rispondere alle esigenze dei cittadini italiani si è rivelata in tutta la sua maestosità con i governi di coalizione che in Italia ormai sono diventati la normalità. Destra, sinistra e centro sono da tre anni più uniti che mai, ma comunque lo stato economico del paese non è migliorato. Così fra i cittadini è aumentata la sensazione che i politici di diversi orientamenti si siano uniti solo e soltanto per mantenere i propri interessi. E i partiti non hanno fatto nulla per dimostrare il contrario.

TU QUOQUE - L’ultimo motivo, ma non per ordine di importanza, è il fallimento politico del Movimento 5 Stelle. Finché il partito di Grillo era ancora da provare, l’astensione ha tenuto. Alle elezioni politiche del febbraio 2013 l’astensione si fermò al 24,81%. Un dato superiore a quello delle politiche del 2008, ma non tanto quanto ci si aspettasse. In quell’occasione i pentastellati riuscirono a convincere molti italiani che erano indecisi se andare a votare o no a recarsi alle urne. Adesso che neanche loro sono riusciti a dare una scossa al paese, riuscire a convincere gli italiani che l’astensione è un danno sarà praticamente impossibile.

Giacomo Cangi

@GiacomoCangi

foto: formiche.net

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews