Assad si faccia da parte: Obama, Merkel, Sarkozy e Cameron sulla Siria

Roma – Dopo la richiesta avanzata dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama, anche Angela Merkel, Nicolas Sarkozy e David Cameron hanno richiesto formalmente le dimissioni del presidente siriano Bashar al-Assad.

Scrivono i tre leader in una nota congiunta: «Le autorità siriane hanno ignorato gli appelli urgenti lanciati dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, da numerosi stati nella regione, dal Consiglio di cooperazione del Golfo e dal segretario generale della Lega araba.
Continua la repressione violenta contro il popolo e si rifiuta di dar voce alle loro
legittime aspirazioni. Francia, Germania e Regno Unito ribadiscono la loro condanna di questa sanguinosa repressione di manifestanti pacifici e le massicce violazioni dei diritti umani».
Come gli Stati Uniti, Germania, Francia e Gran Bretagna non sono più disposte a tollerare la repressione in Siria e l’atteggiamento del presidente al-Assad: «Sosteniamo ulteriori forti sanzioni dell’Ue contro il regime del presidente Assad. Chiediamo al regime di fermare subito le violenze, rilasciare tutti i prigionieri politici e dare libero accesso alle Nazioni Unite per una valutazione indipendente della situazione. I nostri tre paesi ritengono che il presidente Assad, che è ricorso alla brutale forza militare, ha perso ogni legittimità e non può pretendere di guidare il paese. Ci appelliamo a lui perchè si faccia da parte nell’interesse della Siria e del suo popolo».

Francesca Penza

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews