Arrivederci al Mondiale: Rossi si frattura la tibia

Brutto high-side per Valentino Rossi al Mugello

di Mara Guarino

Valentino Rossi in sella alla sua M1

Barberino del Mugello – La notizia è di quelle pesanti. Di quelle che cambiano il corso di un’intera stagione.  Il nove volte campione del mondo Valentino Rossi è caduto nel corso delle prove libere, fratturandosi la gamba destra. In discussione, non solo il Gran Premio in programma per domani ma anche molti altri appuntamenti a venire.

Mancava circa un quarto d’ora al termine delle FP2, quando il pilota pesarese è stato disarcionato dalla sua Yamaha all’altezza delle  curve “Biondetti”. La situazione è apparsa subito grave, visto che l’italiano non è riuscito a rimettersi in piedi ed è stato portato via in barella. Sul suo viso evidenti smorfie di dolore.

E’  il dottor Macchia Godena ad aver visionato per primo la situazione, una volta completata la procedura di trasporto alla Clinica Mobile: “E’ una brutta frattura, più grave di quel che pensavamo – spiega -. E’ esposta e scomposta, con l’osso che è uscito fuori dalla pelle. E’ stata già ridotta al centro medico del circuito, ma adesso Valentino verrà trasportato in elicottero all’ospedale di Firenze. Si tratta di una frattura al terzo medio della gamba, che vede coinvolti tibia e perone. La riduzione è stata fatta addormentando il pilota, perché è una lesione molto grave, che per fortuna non ha interessato la parte circolatoria e nervosa della gamba. Adesso verrà portato all’ospedale per stabilizzare la frattura. Probabilmente verrà operato per evitare infezioni. E’ una cosa lunga di qualche mese”.

Più che giustificata quindi la preoccupazione che, al momento, circonda il campione. Appare leggermente più fiducioso il dottor Costa, che, dall’alto della sua grande esperienza nel settore, evidenzia come i tempi di recupero tendano a variare molto, da pilota a pilota. Bisogna comunque aspettarsi un minimo di 40 giorni di stop.

Rossi e Lorenzo: compagni di squadra ma grandi rivali in pista

Se appaiono già molto chiare le sue conseguenze, non si può invece dire altrettanto delle cause della caduta: le immagini catturate dalla telecamera di bordo di Nicky Hayden non evidenziano particolari errori di guida. Per saperne di più occorrerà dunque aspettare i dati della telemetria.

Probabilmente, Valentino stava comunque tirando al massimo, perché in affanno rispetto al primo turno di prove di venerdì. Rossi stava infatti accusando un ritardo di quasi 7 decimi dal compagno di squadra, nonchè leader della classifica mondiale Jorge Lorenzo.

E il maiorchino è sicuramente il pilota che potrebbe beneficiare maggiormente della situazione. Certo, non è una colpa. Peccato solo per la mancata battaglia in pista, che si preannunciava interessante.  Sia per la gara sia in ottica mondiale.

Auguri di pronta guarigione numero 46!

Foto via:  http://farm4.static.flickr.com;

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews