Anti Inter cercasi: il Palermo rifila tre ceffoni alla Juve

Nel posticipo della quarta giornata, la Juventus, dopo la convincente vittoria di domenica, perde l’occasione di diventare l’anti-Inter e crolla in casa sotto i colpi del Palermo

di Marco Frattino

Javier Pastore – Uomo partita

All’Olimpico di Torino, la Juventus va a caccia della vittoria per dare continuità alla vittoria di domenica scorsa al ‘Friuli’ mentre i rosanero cercano l’impresa per rimettersi in carreggiata dopo uno stentato avvio di stagione, che ha fatto tanto infuriare il patron Zamparini. Delneri conferma la squadra che ha schiantato l’Udinese, preferendo Del Piero a Iaquinta, mentre Rossi lascia Hernandez in panchina e si affida a sorpresa al cileno Pinilla al centro d’attacco, alle sue spalle Ilicic e Pastore mentre si rivede Miccoli in panchina dopo l’infortunio al crociato risalente al finale della passata stagione.

INIZIO SHOCK  - Prendono per primi l’iniziativa di gioco i bianconeri, grazie ad una grande accelerazione del serbo Krasic ma la palla finisce comoda tra le mani di Sirigu. Ma al primo affondo passa in vantaggio il Palermo grazie ad un’azione di Pinilla al limite dell’area, l’ex Inter e Grosseto prova il tiro, Storari non trattiene e Pastore può facilmente mettere in rete la palla dell’ uno a zero. Al 5° ancora Pastore è pericoloso, ma il suo tiro viene parato da Storari. L’inizio è tutto di marca siciliana, ma la Juventus prova ad uscire dal guscio con un paio di rilanci, anche grazie al pressing dei calciatori rosanero, ma prima il guardalinee (lancio di Pepe per Del Piero in off-side) e poi Munoz (in copertura su Quagliarella) fermano l’offensiva bianconera. Al 16° Munoz  anticipa ancora una volta di testa l’attaccante ex Napoli, si inserisce Del Piero che tenta la conclusione di sinistro ma la palla termina a lato.

La Juventus cerca di manovrare a centrocampo, ma la circolazione della palla è troppo lenta. Al 24° Krasic cerca di dare un’accelerata all’offensiva bianconera e si invola verso la porta di Sirigu, galoppata di 50 metri ma arriva stanco alla conclusione, che non impegna il portiere rosanero. Al 30° Marchisio lancia lungo Quagliarella, Sirigu esce dai pali, l’attaccante riesce a staccarsi da Munoz provando un colpo di testa difficile ma la palla termina tra le mani dell’estremo difensore siciliano. La Juventus in questo momento sta facendo la partita, fa incetta di calci d’angolo ma crea poche occasioni da rete. Il Palermo si affida alle ripartenze ma al 37° sfiora il raddoppio con una buona giocata tra Ilicic e Pastore, l’argentino  apre per Pinilla che si controlla e dal limite conclude con un diagonale che termina di poco a lato.

Ancora il Palermo vicino al raddoppio al 41° con Pastore, che riceve la palla di tacco da Pinilla, ritrovandosi a tu per tu con Storari, conclusione sicura ma colpisce il palo. Per l’attaccante argentino  è il quarto legno colpito fin qui nelle prime giornate di campionato. Ma la Juve non ci sta e si riporta subito in avanti, Quagliarella serve Del Piero, che dai 25 metri prova il tiro a rete ma Sirigu devia quel tanto che basta  e la palla si schianta sulla traversa. Dopo poco la Juve reclama un rigore: ancora Del Piero in area avversaria, Cassani aggancia l’attaccante bianconero che termina a terra, ma l’arbitro Orsato decide di far proseguire il gioco.  Il primo tempo termina con il vantaggio ospite siglato da Pastore, sicuramente il migliore in campo , ma è la Juve a tenere di più la palla mentre il Palermo ha sfruttato quasi appieno le occasioni avute.

SECONDO TEMPO - La ripresa vede, quasi  sorprendentemente, Delneri cambiare modulo di gioco. Il tecnico di Aquileia lascia Pepe e Quagliarella negli spogliatoi, in favore di Iaquinta e Amauri, optando almeno inizialmente per uno più spregiudicato  4-2-3-1. La Juventus si affida ancora ai lanci lunghi, verso gli attaccanti, ma ancora non va, il Palermo si difende bene, non lasciando spazi alla manovra bianconera. La Juve avanza e si rende pericolosa al 53° colpo di testa di Krasic debole, Sirigu abbranca con sicurezza. Due minuti dopo Del Piero prova dalla distanza ma il suo tiro è debole. Poi Krasic mette al centro un gran pallone, prolungato da Sirigu con la punta delle dita; Iaquinta sulla respinta prova la conclusione ma il portiere rosanero recupera la posizione e non ha problemi sulla conclusione centrale dell’attaccante bianconero. Risponde il Palermo con Balzaretti che parte benissimo dalla destra, si accentra evitando due bianconeri calciando verso Storari ma il portiere bianconero si allunga e manda in angolo.

RADDOPPIO ROSANERO - Al quarto d’ora Del Piero viene richiamato in panchina per Aquilani. Delneri vorrebbe creare una superiorità in mediana, ma il cambio non ha gli effetti sperati. Infatti è il Palermo ad andare di nuovo in goal con Ilicic che su precedente tiro a giro di Pastore,  sfrutta una respinta di Storari e infila di contro balzo il portiere juventino. Secondo goal per il giovane sloveno, che dopo essere andato in rete contro l’Inter domenica scorsa, va a segno contro un’altra (pseudo)grande del nostro campionato. La Juve prova a riorganizzarsi e cerca di essere più incisiva sotto rete e al 66° i bianconeri vanno in rete con Iaquinta, ma il guardalinee vede correttamente un  fuorigioco. Due minuti dopo Amauri sale più alto di tutti e conclude verso Sirigu che si distende e fa suo il pallone.

Poco dopo ancora l’italo-brasiliano si rende  pericoloso, mettendo al centro un bel pallone a giro ma Iaquinta è in ritardo e non riesce ad impattare. Al 72° ancora la Juve vicino al goal: errore in disimpegno del Palermo, la palla arriva a Krasic che grazia di un niente Sirigu con un gran diagonale. Al 76° bello stop e filtrante di Krasic per Iaquinta, anticipato di un niente da un superbo Balzaretti. Quattro minuti dopo Amauri va ancora vicino alla rete. Sugli sviluppi di un corner dalla destra, l’attaccante stacca benissimo ed impegna seriamente Sirigu che respinge con un guizzo, poi Melo calcia alto sulla traversa.

TRIS DEL PALERMO - Ma all’84°, quando sembra essere imminente il goal della Juve, arriva il tris del Palermo. Punizione magistrale di Bovo: destro con palla che gira e si insacca a mezza altezza alla sinistra di Storari. Sembrano scorrere i titoli di coda all’Olimpico ma il Palermo si rilassa e Iaquinta ne approfitta accorciando le distanze con un colpo di testa, grazie a un preciso assist di Motta. Ultimi minuti che vedono il forcing bianconero, con l’arbitro Orsato che concede quattro minuti di recupero. Al 92° Krasic sfiora ancora la rete con un colpo di testa che termina vicinissimo al palo. Finisce qui il match, i rosanero meritano ampiamente la vittoria, passeggiando sulle ceneri della ‘Vecchia Signora’. Serata da dimenticare per la Juventus, mentre risorge il Palermo. Per i siciliani si prospetta un bel week-end, visto il prossimo impegno casalingo con il Lecce, mentre la Juventus ospiterà il Cagliari nel posticipo di domenica era ed è obbligata a vincere per non sprofondare in una crisi nera.

Delude ancora una volta la retroguardia bianconera, che dopo aver subito tre reti contro Samp e Lech Poznan riesce a prenderne tre anche dal Palermo. Nonostante la Juventus abbia speso 55 milioni di € nell’ultimo calciomercato, l’unico calciatore a fare la differenza in questo match è stato Javier Pastore, che Zamparini ha prelevato per “appena” sei milioni di € lo scorso anno, versati nelle casse dell’Huracan.  La classifica della Juventus inizia a diventare preoccupante, non solo per i tifosi ma anche per la dirigenza, che inizia ad avere (a questo punto, giustamente) dubbi sulla bontà dell’operato di Marotta in tema di scelte di mercato.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews