Alitalia: Fantozzi, in polemica con il governo, si dimette da commissario

MILANO – Il commissario straordinario di Alitalia Augusto Fantozzi si è dimesso, perché – si legge in una nota pubblicata sul sito della compagnia – «ha ritenuto che sia venuta meno la fiducia del Governo nei suoi confronti ed ha rassegnato le proprie dimissioni nelle mani del Sig. Presidente del Consiglio e del Sig. Ministro per lo Sviluppo Economico. La stessa cosa hanno fatto tutti i componenti dell’Ufficio del Commissario».

 

La decisione è avvenuta infatti proprio dopo l’approvazione della manovra che contiene misure che riguardano proprio le procedure di amministrazione straordinaria delle imprese. In particolare dopo l’introduzione in manovra di una norma che consente all’esecutivo di integrare con due ulteriori commissari gli organi commissariali monocratici delle imprese in amministrazione straordinaria che si trovino nella fase di liquidazione e nelle quali sia avvenuta la dismissione dei compendi aziendali.

 

«Il Commissario – si legge ancora nella nota sul sito, cui seguono ampi ringraziamenti e auguri da parte di quest’ultimo– renderà conto con la relazione semestrale e attraverso il verbale di consegne ai nuovi commissari dell’ingente lavoro sin qui svolto, delle misure adottate, dei risultati raggiunti, della liquidità disponibile alla data odierna, delle prossime scadenze, delle numerose questioni pendenti e, più in generale, dello stato di avanzamento della procedura. Assicurerà ai nuovi commissari la collaborazione necessaria a evitare ogni soluzione di continuità specie in relazione al pagamento dell’acconto ai dipendenti di Alitalia Express, Alitalia Airport e Volare».

 

Segue una nota di Palazzo Chigi, nella quale la Presidenza del Consiglio dei Ministri prende atto «con profondo rammarico delle dimissioni rassegnate da Augusto Fantozzi dalla carica di Commissario nella procedura di amministrazione straordinaria relativa alla Società Alitalia».

E prosegue dichiarando: «Nel manifestare al Professor Fantozzi l’apprezzamento e la gratitudine per l’attività svolta con tanto impegno, si sottolinea che la norma contenuta nell’articolo 15 del Decreto Legge sulla manovra economica non concerne specificamente il caso Alitalia».

 

Tale norma bensì rappresenta – sottolinea la Presidenza del Consiglio – «un contributo per migliorare l’efficienza e la celerità di tutte le procedure, anche originate da complessi interventi succedutisi nel tempo, e delle quali non è stato ritenuto nè giusto, nè opportuno far gravare il carico su un solo soggetto, per evitarne, tra l’altro, la sovraesposizione. Di qui il ricorso ad un modello commissariale collegiale, a costi invariati».

Natalia Radicchio

Foto| via www.ilsussidiario.net

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews