A Barcellona in mostra Yo Picasso. Self Portraits

Mostra Yo Picasso. Autoritratto (solomostre.com)

Barcellona – A volte capita, per pura casualità, di trovarsi nel museo giusto al momento giusto. Quello in questione è il Museu Picasso di Barcellona, dove da maggio è in esposizione la mostra Yo Picasso. Self-Portraits che abbiamo avuto l’opportunità di visitare.

Il museo, con la sua collezione permanente, è già di per sé un capolavoro che contiene al suo interno 2.500 lavori  e 1.400 immagini che ripercorrono la vita artistica del Maestro e ne rivelano aspetti forse sconosciuti al grande pubblico.  Yo picasso. Self-portraits  estremizza questo concept e mostra i lavori (dipinti, fotografie, incisioni, schizzi) più personali del suo autore, il quale ha fatto dell’autoritratto uno strumento di sperimentazione e auto definizione.

La mostra è strutturata in ordine cronologico e copre più di settanta anni di produzione artistica. Si parte dall’adolescenza dove è possibile scorgere ancora l’influenza dell’accademia nella resa dei tratti fisiognomici, ma dove è già presente la necessità di “forzare” la natura ai suoi scopi e  di imprimerla, grazie al tratto, della sua forza espressiva. Picasso sperimenta nel periodo dell’accademia varie prospettive e diversi modi di rappresentarsi fino ad abbracciare lo stile caricaturale in Picasso par lui même.

A seguire,  veniamo catapultati negli anni parigini del pittore spagnolo, dove il gusto erotico dei suoi autoritratti è forse l’aspetto predominate di questa produzione. Vediamo un Picasso nudo, in stanze di bordello e nello stesso tempo un Picasso più intimista che vive la città di Parigi e i suoi molti eccessi.

I lavori degli anni 1906-1907 ovviamente non potevano non subire l’influenza del suo primo capolavoro cubista Les Demoiselles d’Avignon e quindi ecco un Picasso che si ritrae liberandosi finalmente dei limiti del realismo e abbraccia a piene mani il modernismo, estremizza il tratto e semplifica le linee come nell’autoritratto in prestito dalla galleria Národní di Praga.

Nell’area espositiva non poteva mancare il riferimento alla fotografia come mezzo di autoritratto. Unico medium di rappresentazione di sé negli anni cubisti, anche la fotografia subisce i cambiamenti espressivi del suo autore e se nei primi lavori (1901) si nota la poca consapevolezza del mezzo espressivo e la ricerca di rappresentarsi in primo luogo come “artista” è pur vero che in lavori come Picasso and Manuel Pallarès, Roman Senatorstroviamo un Picasso che fa dell’eccesso il suo mantra.

Mostra Yo Picasso Autoritratto (lifeinluxury.co.uk)

Gli Anni Venti vedono il ritorno al realismo per Picasso, un realismo intriso di neoclassicismo che però non manca di passione e che colpisce al cuore soprattutto nello splendido The Artist’s Eyes, uno sguardo aperto sull’anima del suo creatore che ne racchiude la forza e la tenacia.

I drammi della vita personale dell’artista vengono magistralmente sintetizzati nell’area dedicata al periodo Surrealista. Picasso abbandona il realismo e nasconde il suo profilo in quadri cupi e deformi in cui le ombre, il dolore e quello che rimane del Picasso uomo si fondono in un sapiente equilibrio di linee e colori.

Tra gli Anni Trenta e Cinquanta, Picasso accantona la sfera personale e concentra la sua attenzione sul Picasso “artista”, il Picasso “pittore” e “scultore” che diventano archetipi in una ricerca sempre più estremizzata del simbolismo evocativo, un simbolismo che accompagnerà anche l’ultima fase della sua creazione, quella della vecchiaia, ultima area espositiva della mostra, in cui Picasso si nasconde e si ritrae come altro da sé in quadri in cui il femmineo e il grottesco sono i temi per eccellenza e dove è ormai impossibile distinguere il Picasso uomo dal Picasso artista.

La mostra Yo Picasso. Self-Potraits  è visitabile fino al 1 settembre 2013 presso il Museu Picasso di Barcellona.

Elisabetta Tirabassi

Yo Picasso. Self Portraits

Museu Picasso

Barcellona, Montcada 15-23

fino al1 settembre 2013

Orari: da martedì a domenica 10:00 – 20:00

Biglietto: mostra 6,60€ / mostra+collezione permanente 11,00

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews