16 ottobre 1943: ricordarlo al Museo di via Tasso

Interno del Museo di via Tasso

ROMA – Come ogni anno il Museo Storico della Liberazione di via Tasso, a Roma, è in prima linea nel tenere vivo il ricordo di una delle pagine più tristi della storia della comunità ebraica nella capitale, colpita al cuore dall’incursione nazista nel ghetto e della successiva deportazione di molti dei suoi abitanti, la notte del 16 ottobre 1943.

Se Giacomo De Benedetti, con il suo splendido libro 16 ottobre 1943, è l’autore che si invita a riscoprire in questa occasione, gli eventi in programma al Museo di via Tasso costituiscono il modo migliore per partecipare alla tragedia che colpì gli ebrei romani: rinnovare a distanza di tempo il ricordo di quegli eventi è il solo modo per non perderne coscienza, per renderli parte del presente e scongiurarne così un possibile ritorno.

Si inizia sabato 15 ottobre alle ore 17,30, con l’Orazione civile per la Resistenza affidata alla voce narrante di Daniele Biacchessi. Risultato di un lungo e accurato percorso di ricerca su materiale archivistico di varia natura, l’Orazione è un toccante racconto di diverse storie di ‘resistenza’ e di altrettanti uomini che, come partigiani, hanno vissuto la lotta e pagato con la vita il loro credo di libertà. Biacchessi – giornalista e scrittore, oltre che attore e regista dedito al teatro narrativo civile - ripercorrerà, evocando i i luoghi che in tutta Italia sono stati teatro di orride torture e carneficine (le Fosse Ardeatine, Sant’Anna di Stazzema, Marzabotto, Fucecchio e naturalmente il carcere di Via Tasso a Roma), le vicende e le testimonianze di coloro che, con il coraggio delle scelte, sono andati contro un sistema oppressivo e lesivo delle libertà individuali. Il testo diventerà presto un libro, previsto in uscita il prossimo aprile per Corvino Editore. L’ingresso allo spettacolo è gratuito, ma a causa della disponibilità limitata è necessaria la prenotazione scrivendo a info@museoliberazione.it.

Domenica 16 il Museo sarà aperto dalle 9,30 alle 12,30 e poi nel pomeriggio dalle 14,30 alle 19,30, per una giornata di proiezioni.

16 ottobre 1943: data della deportazione degli Ebrei romani

Alle 10, e a seguire alle 11,30, due documenti di Ansano Gianarelli, Memoria presente. Ebrei e città di Roma (1983, 73’) e 16 ottobre 1943 (1961, 12’); alle 12 Nata due volte (storia di Settimia ebrea romana) (2005, 60’) di Giandomenico Curi. I docu-film saranno riproposti nella stessa sequenza nel pomeriggio, a partire dalle 16.

Nella sale che il Museo ha dedicato, al 3° piano dell’edificio, all’esposizione permanente di documenti e testimonianze sulla deportazione degli Ebrai romani, sarà possibile assistere a ciclo continuo per tutto il giorno alla proiezione di Gli ebrei a Roma 1938-1944: dalle interviste realizzate da Survivors of the Shoah Visual History Foundation, Los Angeles, un documentario di 40 minuti realizzato nel 2001 grazie alla collaborazione della fondazione Survivors of the Shoah Visual History, dell’Archivio centrale dello Stato e dello stesso Museo storico della liberazione di Roma.

Laura Dabbene 

foto www.wakeupnews.eu; focusonisrael.org

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews