‘Pavoncella’, un premio alla creatività femminile

 

Il logo del Premio Pavoncella

Un proverbio cinese recita: “l’uomo è il capo della famiglia, ma la donna è il collo e muove il capo dove vuole”. Non sesso debole quindi ma motore del tutto, la donna si innalza a forza creatrice e innovatrice.

Ed è proprio per osannare tali doti che nasce il premio alla creatività femminile “Pavoncella, che vuole essere riconoscimento e omaggio alla donna, al suo impegno sempre più efficace nel mondo dell’impresa, lavoro, ricerca scientifica e al ruolo altrettanto importante che ha assunto nella cultura e nell’arte.

Il premio, ideato e organizzato da Francesca d’Oriano, presidente dell’associazione culturale ArteOltre, con il sostegno di Elena Daneo, gode del patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, della Regione Lazio, della Provincia di Latina, del Comune di Sabaudia e del Parco nazionale del Circeo ed è diviso in sei sezioni: imprenditoria, ricerca scientifica, creatività artistica, narrativa italiana, saggistica e opera prima. In una società dove le donne hanno sempre più ruoli di rilievo e dove, a torto, si continua a discutere di strumentalizzazione e valorizzazione della loro presenza, un premio alla creatività femminile vuole essere, dunque, l’occasione per vedere il mondo proprio con gli occhi delle donne, giudicate per le loro capacità nei vari campi da una giuria di sole donne.

Una giuria di tutto rispetto, presieduta da Daniela Brancati, già direttrice del Tg3 e scrittrice, e composta da Maria Corbi (La Stampa), Emilia Costantini (Corriere della Sera), Velia Iacovino (condirettore AdnKronos), Laura Laurenzi (La Repubblica), dalle scrittrici Giulietta Rovera ed Edgarda Ferri, Rossella Santojanni (Libreria Croce di Roma), Matilde d’Oriano de Fraia (docente) e Simona Zacchini.

“Ho accettato più che volentieri – afferma la presidente Daniela Brancati – la proposta di Francesca d’Oriano di presiedere il Premio Pavoncella. Premiare la creatività femminile in vari campi, dalla scienza all’impresa all’arte e alla letteratura significa rimettere con forza l’accento sulle capacità delle donne e sul ruolo fondamentale del nostro genere nella società. Le donne nei secoli hanno espresso la loro creatività nei modi più vari. Da quelli minimi, inventando la dieta mediterranea per il pasto familiare con le materie prime scarse che avevano a disposizione. A quelli massimi, come la medicina o la ricerca, per la quale si ricordano sempre pochi nomi eccellenti, ma non le tante altre scienziate che quotidianamente si applicano per migliorare la vita di tutti. Oggi – conclude la Brancati – sono molte le donne ingegnere, esperte di finanza, manager capaci, eppure i mass media preferiscono rimandarci l’immagine stereotipata della donna oggetto da guardare, proprio per far dimenticare alla società quanto deve alle donne. Noi con questo premio vogliamo ricordarlo a tutti”.

 

La giuria tutta "rosa" del Premio Pavoncella

Accanto alle giurate, un comitato d’onore altrettanto illustre che vanta nomi importanti del mondo dello spettacolo, della televisione e del giornalismo: da Corrado Calabrò, presidente dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, a Giorgio Albertazzi, passando per Pippo Baudo, Stefano Dominella, Ida Di Benedetto, Enrica Bonaccorti, Lina Sastri, Graziano Diana.

Ed ancora l’onorevole Mario Pescante, Isabella Rauti, Paolo Fallai (caporedattore Cultura e Spettacoli del Corriere della Sera), Matilde Sicardi (responsabile Radio Kiss Kiss), Tiziana Ribichesu (conduttrice di «Baobab» – Radio Rai), Stefania Giacomini (giornalista tg regionale del Lazio), Giovanni Russo, Massimo Monaci (direttore del teatro Eliseo), Giovan Battista Giorgi (presidente Astral), Giovanni Sciscione (presidente del Gruppo Giovani di Confindustria Latina), Donatella Colantoni (dirigente Fox Channel), Adriana Elena (dirigente Astral), Alessia Cellitti (funzionario Presidenza Consiglio dei Ministri), Elettra Caporello (dialoghista cinematografica e televisiva), Vassiliki Tziveli (giornalista), Chiara Ferrero (responsabile editoriale), Giacomo Fidei (consigliere ministeriale – Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca), Carla Benocci (storica dell’arte), Ludovica de Cesare (imprenditrice), Adria Misiti (imprenditrice),  Thes Tziveli (imprenditrice), Roberta Ferrazza (avvocato), Giada Gervasi (avvocato), Floriana Giancotti (preside), Carla Carelli Melegari (preside), Carmelo Palella (preside), Maddalena di Fazio (docente), Grazia Zanone Salvatore (docente) e Marina Perago (associazione ambientalista Colle della Strega).

Per maggiori informazioni visita il sito internet www.premiopavoncella.com

Fabrizio Giona

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews