Yeah Ghost. Gli Zero 7 ci fanno ancora aspettare.

Simple Thing” è forse inimitabile. Un po’ come i grandi film del cinema, che al secondo e terzo episodio deludono le aspettative. Qui per gli Zero 7 abbiamo in corso un processo di attesa che dura ormai da un po’ di anni (precisamente 7, combinazione).

Nel 2001 l’esordio dei due produttori londinesi Henry Binns e Sam Hardaker danno luce a uno dei piú amati, elogiati e chiaccherati album di inizio millenio, Simple Things. La loro caratteristica principale è stata quella di avvicinarsi al melodico strumentale acustico caldo e intenso con miscele e ambienti elettronici, richiami jazz e tante bellissime voci a supporto di un progetto che ha fatto emozionare tutti.

A distanza di 8 anni, esce Yeah Ghost, forse il lavoro piú discusso del duo inglese. Da pochi giorni sul mercato e giá si dividono i filoni di chi lo ama e chi lo odia. Sicuramente delinea e fortifica qualitativamente la loro essenza la presenza di uno stile e di un “marchio”, ma forse ascoltandolo a lungo puó risultare troppo rapido. Chi parla è un amante di questo filone downtempo (Tosca, Air, Thievery Corporation, Royksopp) e di tutta quella musica che si lascia scorrere e che senza accorgersene ti dipinge l’aria, si mescola in una conversazione, ti stimola e suggestiona i pensieri e si posiziona in un preciso punto non identificato tra te (che ascolti), il mondo (che vedi) e la musica (che senti).

Detto questo, Yeah Ghost forse non si “posiziona” e non “resta” nell’aria come Simple Things, ma consacra ugualmente il duo che per bissare il climax, ci fa ancora aspettare.

Andrea Emma

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

2 Risponde a Yeah Ghost. Gli Zero 7 ci fanno ancora aspettare.

  1. avatar
    Silvana Brandi 20/10/2009 a 10:26

    Hai descritto alla perfezione le sensazioni chequesta musica trasmette…
    noi aspettiamo….

    Rispondi
  2. avatar
    G.G. 23/10/2009 a 13:31

    Belle parole, belle sensazioni. anche io, come te, amo downtempo e tutti gli artisti da te menzionati! speriamo che non costi troppo l’album!!!
    Finalmente consigli musicali sinceramente condivisi. Continuate così! ;-)

    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews