Wsbk: Checa inarrivabile a Miller, Biaggi a terra

 

Dopo l'ennesimo zero, Biaggi è chiamato alla riscossa in gara2 (motorcyclenews.com)

Salt Lake City – Non pare davvero fine il periodo nero di Max Biaggi che, dopo la vittoria mancata di Monza,  rimedia un pesante zero in classifica dopo la prima manche del quinto round del mondiale Wsbk, di scena al Miller Motorsports Park in occasione al Memorial Day. A cogliere al volo l’occasione quindi Carlos Checa, che, con il bottino pieno di punti regalatogli dalla vittoria, allunga in classifica proprio ai danni del romano e di Marco Melandri, solo decimo al traguardo.

Lo spagnolo è così entusiasta che finisce con lo scivolare durante il giro d’onore; nessuna conseguenza per lui, se non la tuta vistosamente infangata.

GARA 1 – Ottima partenza per Max Biaggi, che scatta dalla seconda fila. Piuttosto convulse le fasi iniziali: nel giro di poche tornate, il Corsaro è già scivolato in quarta posizione, mentre Melandri è addirittura ottavo. Proprio nel tentavo di recuperare terreno prezioso, però, l’Aprilia numero 1 entra in rotta di collisione con la Honda di Rea. A neanche un giro dall’avvio, Max Biaggi è già fuori dai giochi; davvero un brutto colpo per il mondiale, che, già, prima di questa falsa partenza pareva in risalita.

In testa, a darsi battaglia per la leadership sono Haga e Corser, che si devono tuttavia guardare le spalle da un combattivo Carlos Checa. Come da pronostici, la Ducati Althea guadagna la testa della classifica con un paio di sorpassi ben assestati e si prepara al tentativo di fuga solitaria. Qualche giro e diventa chiaro come il gradino più alto del podio sia ormai già assegnato. Interessante, invece, la bagarre per la seconda posizione, che vede in lotta almeno 6 piloti. Continua però a mancare all’appello Melandri, in grave difficoltà.

Chi si mette in luce è proprio il team-mate di Marco, Eugene Laverty, che, alla metà di gara, agguanta la seconda posizione ai danni di Guintoli. Ma il francese non ci sta e contrattacca, presto seguito dal compagno di squadra Smrz. Tra i due, si preannuncia quindi un bel duello; in ogni caso, il podio sarà occupato solamente da Ducati.

Nel frattempo, Laverty perde posizioni preziose, probabilmente a causa di problemi con le gomme. Ne approfitta anche Ayrton Badovini, settimo e migliore degli italiani.

Appuntamento alle ore 23.30 con la seconda manche.

La classifica di Gara1:

01- Carlos Checa – Althea Racing – Ducati 1198 – 21 giri in 38’46.915
02- Jakub Smrz – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 2.766
03- Sylvain Guintoli – Team Effenbert Liberty Racing – Ducati 1198 – + 4.093
04- Leon Camier – Aprilia Alitalia Racing Team – Aprilia RSV4 Factory – + 8.885
05- Eugene Laverty – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – + 15.718
06- Tom Sykes – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 20.477
07- Ayrton Badovini – BMW Motorrad Italia – BMW S1000RR – + 22.170
08- Leon Haslam – BMW Motorrad Motorsport – BMW S1000RR – + 22.267
09- Noriyuki Haga – Pata Racing Team Aprilia – Aprilia RSV4 Factory – + 24.087
10- Marco Melandri – Yamaha World Superbike Team – Yamaha YZF R1 – + 27.150
11- Maxime Berger – Supersonic Racing Team – Ducati 1198 – + 29.422
12- Josh Waters – Yoshimura Suzuki Racing Team – Suzuki GSX-R 1000 – + 33.428
13- Troy Corser – BMW Motorrad Motorsport – Ducati 1198 – + 36.573
14- Joan Lascorz – Kawasaki Racing Team – Kawasaki ZX-10R – + 1’05.369

 

Mara Guarino

Foto via: motorcyclenews.com

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews