WhatsApp a pagamento, la bufala diventa realtà a 79 centesimi all’anno

chat

la popolare ap WhatsApp

Tanto se ne era parlato in questi mesi e la notizia smentita più volte ma ora che la conferma è avvenuta, la polemica non poteva non scatenarsi: parliamo della ormai famosissima applicazione Whatsapp che, in partenza gratuita, ora ha introdotto un sistema di abbonamento annuale nelle versioni di  Android, Windows Phone e BlackBerry. La cifra dell’abbonamento annuale? 0,79 centesimi, una cifra irrisoria per tutto ciò che l’applicazione permette e cioè inviare messaggi di testo lunghi quanto si vuole, foto e video, ma che ha comunque fatto alzare un grosso polverone.

Uno dei motivi di tanto trambusto è stato sicuramente il fatto che la versione iPhone  al momento non prevede rinnovo annuale. Ma per gli utenti ciò che ha sconvolto di più è stato il modo con cui questo passaggio a pagamento è stato fatto: «E’ come il canone Rai», si legge sul Play Store, oppure «Dopo averci assuefatti vorreste denaro? Bella politica commerciale. Da strada», paragonando di fatto l’applicazione a una sostanza stupefacente.

E molti sono già pronti a passare ad un’altra applicazione di chat, questa volta veramente gratuita. Ma ci sono anche molti che la pensano diversamente: «La cifra richiesta è irrisoria, ma uso l’app da anni ed è rimasta sempre la stessa. Pagherei volentieri per l’introduzione di nuove caratteristiche, come la videochat che ormai hanno tutti i programmi simili». Anche perché non bisogna dimenticare che l’applicazione non ha pubblicità e che in qualche modo deve pur sopravvivere visto che ci sono dei costi tecnici infrastrutturali che una servizio del genere, con il volume di traffico e utenti che ha, deve in qualche modo sostenere.

 

Stefania Galli

Foto || repubblica.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews