Webmania? Arriva la cura dalla Pennsylvania

webmania

(progettoenergiazero.it)

Webmaniaci, chi più chi meno, lo siamo tutti. Internet ormai è la “droga” del secolo e se prima l’uso si limitava solo con l’utilizzo dei computer domestici, ora con l’ausilio degli smartphone internet è onnipresente e sempre più essenziale alla nostra vita.

Il problema nasce però nel momento in cui l’utilizzo di questo potente strumento diventa una fissazione. Al contrario delle altre dipendenze internet è completamente legale e nessuno può vietarne l’uso. Da ciò si evince che l’unico modo per bloccare l’utilizzo compulsivo è l’autoregolazione.

Ma da oggi si è trovata la cura per gli intossicati della rete: il Centro di Recupero per Intossicati da Internet. Arriva direttamente dagli Stati Uniti, Pennsylvania, e promette di curare i sintomi di natura psichica dati dall’abuso della rete: perdita della cognizione del tempo, perdita del controllo sull’umore, auto-esclusione dalla vita sociale reale.

In questa struttura i medici, psicologi e terapisti si dedicano alle persona che ha annullato se stessa per dedicarsi al web. Kevin Roberts, un signore di 44 anni che per 2o ore al giorno ha giocato ripetutamente con i videogames, è stato uno dei primi clienti di questa singolare clinica. Grazie al programma di recupero è uscito completamente dalla sua dipendenza ed è riuscito a scrivere anche un libro sull’atroce esperienza vissuta.

Giulia Orsi

 


Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews