WakeUp NBA 2012 – Pacific Division: Per i Lakers è davvero la fine?

LOS ANGELES LAKERS
LA STELLA - Infortunato, arrabbiato, in procinto di divorziare: l’anno 2011 non si chiude nel migliore dei modi per Kobe Bryant, costretto a fare i conti con una squadra priva dei due oggetti del desiderio del mercato, Chris Paul, finito ai cugini poveri di LA, e Dwight Howard, ancora a Orlando in attesa dell’offerta giusta.
LE NOVITA’ - Dopo LeBron James, per Mike Brown è giunto il momento di allenare Kobe Bryant e Pau Gasol: al suo fianco, dall’Europa con furore anche Ettore Messina, per cui speriamo possano accendersi quanto prima le luci della ribalta. Nel roster si sono aggiunti Troy Murphy e Josh McRoberts, ma rispetto ai grandi nomi che si vociferavano è davvero poca cosa.
PUNTI DEBOLI - Il grande rifiuto di Stern nella trattativa per Chris Paul ha ricacciato LA nel probelma playmaker: abbiamo ancora Fisher e Blake, con un anno in più e molta meno energia da spendere sul parquet. Inoltre, lo spogliatoio è molto simile a una polveriera, con Gasol separato in casa dopo le voci di trade e con i malumori di Bynum costantemente in aumento.
I GIOVANI - I Lakers hanno preferito attendere ancora prima di rifondare: così, gli unici giovani interessanti sembrano essere ancora Ebanks, i cui minuti potrebbero aumentare visti i piccoli acciacchi del Black Mamba, e Caracter.
PRONOSTICO WAKEUPNEWS - Primo posto Pacific Division.

GOLDEN STATE WARRIORS
LA STELLA - Non si chiude bene nemmeno per Monta Ellis il 2011: una bella denuncia per molestie sessuali e l’infortunio del suo compagno di viaggio Steph Curry, la cui gravità è ancora da scoprire. Per i Warriors rischiano di essere due pesantissime tegole con cui iniziare la nuova stagione.
LE NOVITA’ - La più curiosa riguarda proprio il mercato Free Agent: è arrivato niente meno che Kwame Brown, con un contratto da 7 Mil. per un solo anno. Partito Amundson, in cambio da Indiana ecco Brandon Rush, guardia/ala che potrà avere un ottimo impatto nel gioco veloce e atletico di Golden State.
PUNTI DEBOLI - Oltre ai già citati infortuni, i punti deboli principali sono da ricercare nel settore lunghi: oltre a David Lee, infatti, abbiamo Udoh, la cui crescita procede a rilento, Brown, la cui crescita si vede solo sulla bilancia, e Biedrins, reduce da stagioni complicate e in calo vertiginoso.
I GIOVANI - Klay Thompson da Washington State è il rookie su cui si può fare più affidamento: il problema dei Warriors di Nelson era che un sistema di gioco totalmente confusionario e rotazioni continuamente diverse non erano un’ottima base di crescita per i rookie. Vedremo se con Mark Jackson le cose cambieranno.
PRONOSTICO WAKEUPNEWS - Terzo posto Pacific Division

LOS ANGELES CLIPPERS 
LA STELLA - Finalmente per i Clippers è arrivato il momento delle rivincite: dopo mille rumors su Paul ai Lakers, l’ex play degli Hornets è invece giunto tra le braccia di Blake Griffin. Giocate ad alta quota, alley hoop, sapiente regia e gioco spumeggiante: per il pubblico targato Clippers si preannuncia una stagione all’insegna della spettacolarità. Perdere Gordon e Kaman pare un equo prezzo da pagare, a fronte di un innesto che rischia di renderli i veri antagonisti per i Lakers.
LE NOVITA’ - Cambio in cabina di regia, cambio anche per quanto riguarda il settore guardie: Gordon è una grave perdita ma l’arrivo di Billups compensa ampiamente. Bledsoe è fermo ai box per problemi al menisco, torneranno quindi utili anche Mo Williams e Randy Foye. Caron Butler è in cerca di rilancio dopo aver perso il finale di stagione dei Mavericks campioni per un grave infortunio, mentre acquisto dell’ultima ora dal mercato Free Agent è Reggie Evans, la cui presenza sarà fondamentale per dare minuti di riposo a DeAndre Jordan senza perdere in rimbalzi e difesa in area.
PUNTI DEBOLI - La chimica di squadra è tutta da trovare, anche se con Paul non pare cosa improba. Il 2-0 in preseason contro i Lakers è un segnale importante, anche se bisognerà vedere l’attitudine di Griffin e compagni a giocare partite dal peso specifico enorme e in cui la capacità di resistere alle pressioni conta più delle abilità individuali.
I GIOVANI - Bledsoe rimane tra color che son sospesi e la scommessa Aminu è già stata sacrificata, destinazione New Orlenas nell’affare Paul. Di conseguenza, il miglior giovane in casa Clippers è proprio Blake Griffin, i cui miglioramenti procedono a passo spedito: il gioco a due con Paul ne esalterà ancor di più i pregi atletici e verticali.
PRONOSTICO WAKEUPNEWS - Secondo posto Pacific Division.

SACRAMENTO KINGS 
LA STELLA - Proprio quando sembrava che Tyreke Evans fosse pronto a vestire la maglia di Roma, ecco che il lockout termina e la stella dei Kings torna in California. Grande peccato per il basket italiano, grande peccato anche per Evans, in sovrappeso e in cattive condizioni fisiche: riprendere il ritmo agonistico, seppur alla europea, sarebbe stato un ottimo viatico per iniziare alla grande una stagione che per i Kings deve necessariamente significare crescita.
LE NOVITA’ - Oltre a Hickson e Marcus Thornton (in cerca di una dimensione cestistica definitiva), la novità maggiore è in realtà un ritorno a casa: John Salmons dopo la parentesi a Milwaukee torna a far parte dei Sacramento Kings, anche se con un ruolo sicuramente ridotto rispetto al passato. Perso Dalembert, potrebbero esserci minuti preziosi anche per il rookie Honeycutt e per Whiteside nel settore lunghi.
PUNTI DEBOLI - Qualche piccolo peccato d’inesperienza si può anche perdonare, ma quando diventa una costante la cosa si fa seria: far mettere la testa a posto a una banda di giovani terribili rischia di essere una missione complicata. L’abbondanza di giocatori in determinati ruoli (Hickson, Cousins e Thompson possono integrarsi così come odiarsi) può creare frizioni interne e l’assenza di una vera leadership di esperienza penalizza tutto l’insieme.
I GIOVANI - DeMarcus Cousins ha l’ingrato compito di dimostrare a tutti che oltre a essere una forza della natura soprattutto in attacco, è anche in grado di difendere con costanza nella marcatura sull’uomo e di capire meglio le situazioni di gioco: troppi falli evitabili, troppe palle perse, troppe scelte di tiro rivedibili. Tanta attesa per scoprire le potenzialità del tiratore scelto Jimmer Fredette, che ha incantato tutti gli addetti ai lavori e i tifosi.
PRONOSTICO WAKEUPNEWS - Quinto posto Pacific Division.

PHOENIX SUNS
LA STELLA - Purtroppo per Steve Nash, l’anno dei Suns sarà tutto fuorché soddisfacente: il canadese meriterebbe una chance di titolo, ma nelle attuali condizioni di Phoenix l’impresa è riuscire a centrare la postseason. Senza più Carter e con Aaron Brooks bloccato in Cina, la franchigia dell’Arizona si prepara a un periodo di vacche magre.
LE NOVITA’ – Marcin Gortat in quintetto base era la novità potenzialmente più gustosa per i Suns, per ripristinare il sempre piacevole gioco a due alto basso con Steve Nash: il polacco però si è subito infortunato, mettendo a rischio il proprio inizio di stagione. Per fare da backup a Nash, sono arrivati Ronnie Price da Utah e Sebastian Telfair, mentre per Shannon Brown l’approdo a Phoenix potrebbe significare il salto di qualità a livello di minutaggi e importanza: nel settore guardie, è rimasto alla fine anche Mickael Pietrus, il cui trasferimento a Toronto è stato bloccato per le cattive condizioni del ginocchio del francese.
PUNTI DEBOLI - Roster poverissimo di talento, con degli onesti mestieranti come Dudley, Childress e Warrick che potrebbero addirittura giocarsi un posto da titolare con i rispettivi compagni di ruolo. Dopo Nash c’è il vuoto e la campagna di ricostruzione non ha portato giovani di significativa prospettiva: Robin Lopez, dopo un buon avvio, si è completamente arenato sui troppi falli spesi e sulla poca incisività offensiva. La mancanza di veri obiettivi, infine, potrebbe far passare la voglia a Steve Nash e se il direttore d’orchestra non sfodera la bacchetta magica d’elite, non può che venir fuori una melodia deludente e di scarso effetto.
I GIOVANI - Oltre a Lopez, c’è davvero poco altro: le rotazioni sembrano essere ristrette sempre agli stessi giocatori dell’anno passato, con Aaron Brooks che potrebbe tornare verso metà stagione se approfitta della stessa escape utilizzata da Kenyon Martin.
PRONOSTICO WAKEUPNEWS - Quarto posto Pacific Division.

Andrea Samele

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews