VIDEO – Zenit-Milan 2-3: cronaca della partita e tutti i gol

Cinque gol in quattro partite per "Il Faraone" (Repubblica.it)

ZENIT – MILAN 2-3: : 13′ Emanuelson, 16′ El Shaarawy (M); 45′+1′ Hulk, 49′ Shirokov (Z); 76′ Aut. Hubocan (Z)

Zenit (4-3-3): Malafeev; Anyukov, Hubocan, Lombaerts (89′ Bukharov), Criscito; Fayzulin (79′ Kanunnikov), Witsel, Shirokov, Hulk, Kerzakhov, Bystrov (72′ Zyryanov). All: Spalletti.

Milan (4-2-3-1): Abbiati; Abate, Bonera, Zapata, Antonini; De Jong, Montolivo; Emanuelson (64′ Nocerino), Boateng (80′ Yepes), El Shaarawy; Bojan (52′ Pazzini). All: Allegri.
Arbitro: Brych (GER).

Ammoniti: Fayzulin, Anyukov, Hubocan, Shirokov (Z); Bonera, El Shaarawy, Yepes (M)

 

La partita - Partenza travolgente del Milan a San Pietroburgo. Al 13′ i Rossoneri sono già in vantaggio grazie ad una punizione dal limite calciata da Emanuelson e deviata in maniera netta dalla barriera. Passa solo un minuto ed il centrocampista olandese va vicinissimo alla doppietta in scivolata sull’appoggio di Antonini. Ma è solo il preludio del gol del 2-0, che arriva grazie ad una magia del “faraone” El Shaarawy, anche oggi il migliore in campo e sempre più centrale negli schemi offensivi di Allegri.

Non perde pero’ coraggio la corazzata russa, che riesce a rimettere in piedi la partita soprattutto grazie alla qualità di Witsel e allo strapotere fisico di Hulk, i due nuovi arrivi costati in estate la modica cifra di 80 milioni di euro. Al 34′ Abbiati vola per mettere in corner il siluro mancino di Hulk dal limite dell’area e sul conseguente calcio d’angolo è ancora bravo il numero uno rossonero a salvare la porta sulla zuccata di Shirikov. All’ultimo minuto arriva la disattenzione decisiva con Zapata che centralmente si lascia sfilare alle spalle Hulk. Entrare in area e infilare Abbiati è un gioco da ragazzi per l’asso brasiliano.

Nella ripresa la squadra di Spalletti torna in campo indiavolata e dopo 3 minuti trova subito il gol del pareggio con un colpo di testa di Shirokov, lasciato solo da Montolivo sul corner battuto dalla destra da Hulk. Lo stesso attaccante brasiliano all’ottavo minuto scappa via in velocità sulla sinistra e viene fermato in area di rigore con un intervento disperato di Abate. Sembrerebbe rigore, ma non è dello stesso avviso l’arbitro Brych.

Il Milan subisce il colpo e Allegri prova a correre ai ripari sostituendo uno spento Bojan con Pazzini ed Emanuelson con Nocerino. La squadra riprende vigore e Boateng di testa fallisce una facile occasione per tornare in vantaggio, chiudendo male l’ennesima prova incolore di questa stagione. Poi al 31′ un’azione un po’ fortunata premia la voglia del Milan: Montolivo mette al centro dalla destra, Pazzini si getta in scivolata, ma l’impatto col pallone lo trova Hubocan che sorprende il proprio portiere e fissa il risultato sul 2 a 3.

Nel finale spazio anche a Yepes per la resistenza ad oltranza. Abbiati si trasforma nuovamente in supereroe scacciando in angolo un bordata angolata di Anyukov. Poi il liberatorio triplice fischio. Per il Milan ci sono 3 punti fondamentali  per il proseguo in Champions e la consapevolezza di poter contare su un El Sharaawy in forma strepitosa. Restano le difficoltà della difesa, i problemi sulle palle inattive e la condizione tutta da verificare di Boateng, ma certamente si puo’ parlare di un Milan in crescita.

Davide Lopez

IL VIDEO DELLA PARTITA

 


szólj hozzá: Zenit vs Milan 2:3 GOALS HIGHLIGHTS

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews