VIDEO – Usa, donne arrestate e costrette a spogliarsi

donne nuda cella usa

Un fotogramma tratto dal video

Puyallup (Washington) – Undici donne e un uomo, arrestati per guida in stato di ebbrezza, hanno denunciato la stazione di polizia di Puyallup, nello stato americano di Washington, per essere state riprese mentre si cambiavano i vestiti e usavano il bagno, dopo essere state obbligate a spogliarsi integralmente di fronte alle telecamere delle celle in cui erano state rinchiuse.

«Mi hanno trattato come un animale, come un pezzo di carne. La cosa grave è che le persone colpevoli di questi abusi sono lì per far rispettare la legge», ha dichiarato una delle vittime. L’avvocato di Seattle James Egan incaricato di tutelare i diritti delle vittime, ha dichiarato che il suo studio legale sta raccogliendo altre 25 segnalazioni di donne che hanno lamentato violazioni simili.

Egan è riuscito a ottenere le immagini delle telecamere di sorveglianza dopo averne fatto richiesta in diverse occasioni. «Gli agenti intimavano alle donne di cambiarsi tutti i vestiti compreso l’intimo per indossare l’uniforme della prigione. Le stesse donne però non avevano idea che quei momenti erano ripresi e osservati da quattro agenti di custodia e da un uomo arrestato».

«Io mi sono rifiutata di spogliarmi e per questo sono stata molestata e sbattuta in cella per altre 12 ore», ha lamentato un’altra vittima. Kenneth Burns, un architetto che ha eseguito il disegno di una quarantina di prigioni negli Stati Uniti, si è detto sbalordito da quanto accaduto: «Nelle celle sono disposte delle telecamere. Ma queste non possono certo riprendere quando una persona arrestata sta facendo la doccia».

Molti sono stati gli esperti che si sono dichiarati perplessi riguardo all’insolito livello di sorveglianza della prigione di Puyallup. Di tutt’altro avviso il procuratore della città di Puyallup, Kevin Yamamota che ha fermamente respinto tutte le accuse: «Piazzare telecamere nelle prigioni e nelle celle è una pratica comune in America. La nostra città non ha in programma di cambiare questa abitudine. Quanto ai video in questione, essi non mostrano nessun comportamento scorretto da parte degli agenti».

Alberto Staiz

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews