VIDEO Paulao, dramma sportivo e fairplay in Rayo – Betis. Il calcio che (r)esiste

Paulao sbaglia un retropassaggio e segna un autogol in Rayo Vallecano - Betis Siviglia. Distrutto, chiede la sostituzione. E lo stadio avversario si alza in piedi ad applaudirlo: il video

paulao_rayo_betis_fairplay

Paulao aiutato a rimettersi in piedi da un compagno di squadra e da un avversario (sentir1907.blogspot.it/)

Solo la matematica tiene ancora a galla il Betis Siviglia di Paulao, 32enne difensore brasiliano. A 4 giornate dal termine, con 12 punti in palio, la salvezza nella Liga spagnola è lontana 11 punti. Un piede e tre quarti nel baratro. Contro il Rayo Vallecano, nella domenica di Pasqua, ci voleva una vera e propria resurrezione per los beticos. Ma il miracolo non è arrivato. Anche – soprattutto – per colpa di due erroracci dello stesso Paulao: un retropassaggio sbagliato ed un autogol che hanno contribuito a fissare sul 3-1 per i padroni di casa il risultato finale. ma quello che è successo alla sua uscita dal campo è un gesto che raramente vedremo sui nostri campi di calcio.

PARTITA DA INCUBO – Paulao ha iniziato la sua giornata da incubo dopo solo 14 minuti. Al momento di appoggiare al proprio portiere un retropassaggio, il difensore brasiliano non si accorge di Rochina, attaccante del Rayo Vallecano, che sta arrivando a grande velocità alle sue spalle. Il suo tocco è morbido e corto, inconsapevole del pericolo. L’attaccante avversario si catapulta sul pallone e lo scaraventa in rete senza pensarci due volte, lasciando Paulao di sasso. Il numero 3 del Betis accusa il colpo e si piega sulle ginocchia, ma viene prontamente incitato dai propri compagni di squadra a riprendere il match.

Il dramma sportivo si completa 13 minuti più tardi. Cross dalla destra di Arbilla, Paulao cerca di spazzare via il pallone in scivolata, ma incoccia la sfera in malo modo con lo stinco. Il pallone, invece di finire in calcio d’angolo, si impenna e finisce alle spalle del proprio portiere per l’autogol del 2-0, che indirizza nettamente la partita sui binari del Rayo e mette definitivamente ko il morale di Paulao. Sdraiato a terra, le mani prima abbandonate sul prato e poi a coprirsi il volto. Il difensore brasiliano si sente colpevole di aver messo la parola fine al campionato del Betis, tenuto a galla nella prima serie spagnola solo dai numeri ma non più dalla logica. Non c’è più né con la testa, né con le gambe.

Paulao moralmente a pezzi durante il match (insideworldsoccer.com)

L’INCITAMENTO DEGLI AVVERSARI - Il primo ad avvicinarsi non è un compagno di squadra. È il capitano avversario Roberto Trashorras, che lo rimette in piedi con l’aiuto di un “avversario” e lo incita con una pacca sul collo. Mentre riprende la sua posizione in campo arriva anche Nacho Martinez a consolarlo, un altro giocatore della squadra padrone di casa. I compagni gli si stringono attorno e lo incitano a ricominciare, ma per Paulao la partita è finita ormai. Chiede il cambio una, due, tre, quattro volte. Il compagno di squadra Chica lo spinge quasi di forza verso l’interno del campo. Invano. Calderon non può fare a meno di sostituirlo. Ed in quel momento succede quel qualcosa che difficilmente Paulao dimenticherà.

STANDING OVATION DELLO STADIO “NEMICO” - L’Estadio de Vallecas si alza in piedi e lo applaude. Nessuno escluso. Una standing ovation da parte dei tifosi avversari, non per deridere ma per consolare e confortare il professionista che ha lottato in campo per una stagione ormai giunta al termine, e l’uomo che è crollato sotto i colpi dei propri errori. Paulao si siede in panchina, china il capo e scoppia in lacrime. L’eco di quegli applausi sinceri – non di scherno – di uno stadio “nemico”, e delle pacche sulle spalle di compagni ed avversari, gli daranno la forza di tornare al centro del campo al prossimo fischio d’inizio.

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews