VIDEO Nizza-Bastia: sventola bandiera della Corsica e scoppia la rissa

E’ finita nel modo peggiore, con botte da orbi, feriti e quattro persone arrestate, la partita francese della Ligue1 Nizza-Bastia, conclusasi con il risultato di 0-1.

LA PROVOCAZIONE DI LECA - Il caos più totale è scaturito da una provocazione di Jean-Louis Leca, portiere di riserva del Bastia, che ha mostrato una bandiera della Corsica proprio sotto la curva della squadra di casa di Nizza; tale gesto ha fatto sorgere la rabbia dei tifosi che, a partita conclusa, hanno invaso il campo da calcio e hanno aggredito i calciatori della squadra ospite. Dopo molteplici minuti di bagarre e rincorse, i calciatori del Bastia sono riusciti a raggiungere lo spogliatoio e a mettersi al riparo dalla rabbia agguerrita dei tifosi del Nizza, unici spettatori della partita: il match, ancor prima di questo episodio, era considerato a rischio e quindi era stato vietato l’ingresso ai supporters del Bastia; tale precauzione si è rivelata essere corretta ed utile, poiché la presenza dei tifosi avversari avrebbe potenzialmente scatenato una rissa ancor più violenta e grave.

Leca sventola la bandiera della Corsica

Leca sventola la bandiera della Corsica

LE CRITICHE DEL PRESIDENTE E DEL CAPITANO DEL NIZZA - Il gesto di Jean-Louis Leca è stato immediatamente stigmatizzato e criticato da Jean-Pierre Riviere, presidente del Nizza, che lo ha così commentato: «Il ruolo di un giocatore è di evitare provocazioni di questo genere, specie in un derby. Leca agli arbitri ha detto di non essersi reso conto di ciò che aveva fatto ma è stata un’iniziativa molto disdicevole. Quando vinci non hai bisogno di fare queste cose. Il nostro capitano Digard ha tentato di fermarlo, dicendogli di non determinare il caos»; parole ricalcate e confermato dallo stesso Digard che ha rincarato la dose affermando di aver chiesto a Leca di fermare il suo gesto: «Quando l’ho visto agitare la bandiera ho notato che i tifosi hanno cominciato a scaldarsi. Gli ho chiesto di finirla ma non mi sembrava molto d’accordo, voleva che tutti lo vedessero. Se non è provocazione questa…Ha fatto un gesto stupido e ha creato confusione».
Lo sventolamento della bandiera della Corsica è stato fortemente criticato anche da Christian Estrosi, il sindaco di Nizza, che ha richiesto delle sanzioni nei confronti di Leca, colpevole di aver dato il via ad una lite assolutamente evitabile. Intanto l’incontro, e lo scontro, si è concluso con l’arresto di quattro tifosi del Nizza.

NIZZA-BASTIA COME SERBIA-ALBANIA - La partita Nizza-Bastia ricorda, con una grave somiglianza, il match Serbia-Albania, finito pochi giorni fa sulle pagine di stampa per una violenta rissa, scaturita dal volo, sul campo da calcio, di un drone con la bandiera della Grande Albania. Anche se trattasi di episodi diversi, è importante notare come la politica e l’appartenenza territoriale siano ancora molto influenti nel calcio e tra i tifosi, pronti ad arrivare alle mani ad ogni stupida provocazione e non disposti a considerare lo sport come puro e semplice svago.

Alessia Telesca

foto: eurosport.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews