VIDEO Ilaria D’Amico: gaffe osè e Renzi chiama in causa Buffon

Simpatica gaffe di Ilaria D'Amico durante l'evento di presentazione del nuovo marchio di Alitalia, immortalata in un video che è già diventato virale

d'amico«Nel segno del cambiamento, del rafforzamento del maschio». Poche parole per una gaffe simpatica quanto macroscopica, che ha trasformato la presentazione del nuovo marchio – e qui si spiega la genesi del simpatico siparietto – di Alitalia, e dell’Airbus 330, in un momento di invidiabile comicità. Protagonista del divertente episodio è stata Ilaria d’Amico, popolarissimo volto del calcio targato Sky, presentatrice dell’evento. Una gaffe che entra di diritto nel pantheon dei siparietti involontari, il cui video sta già facendo il giro della rete.

RENZI FA DA SPALLA – Ovviamente, di fronte ad una gaffe del genere, nessuno può far finta di niente. Di sicuro non la D’Amico, che scoppia subito a ridere, ma nemmeno il premier Renzi, che accoglie l’esilarante momento con le mani nei capelli, aggiungendo un goliardico «non diremo niente a Gigi» Buffon, compagno della presentatrice di Sky. «Presidente la prego – si riprende subito la conduttrice – anche perchè mi conosce bene sa che casomai avrei detto il rafforzamento della women power». Di certo, la gaffe della D’Amico ha dato notevole risalto agli eventi che Alitalia sta organizzando in giro per il Paese per rilanciare la sua immagine, dopo l’ingresso nel suo azionariato di Etihad Airways, che ora detiene il 49% della compagnia aerea italiana.

IN PRINCIPIO FU LA CLERICI – Tuttavia, nonostante l’ilarità suscitata dal momento, la D’Amico dovrà per forza di cose accontentarsi del secondo posto all’interno del campionato delle gaffe più “doppiosensate” di sempre. Il primato spetta tuttora difatti ad Antonella Clerici, che in una puntata de “La Domenica Sportiva” di metà anni 90′ si rammaricò dell’imminente fine del campionato. «Non posso vivere senza calcio» era la frase che la presentatrice avrebbe voluto dire. Quella che invece rimane nella storia, e di cui nemmeno la Clerici nell’immediato si accorse, non c’è neanche bisogno di riportarla.

Carlo Perigli
@c_perigli

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews