VIDEO Crozza contro la reazione social agli attentati terroristici

Crozza a DiMartedì: 'Piangiamo solo le città di cui abbiamo un souvenir attaccato sul frigo?' La critica all'opinione pubblica dopo l'attacco a Parigi

Un Maurizio Crozza meno divertente e più riflessivo, quello trasmesso nella consueta copertina di diMartedì  – programma condotto da Giovanni Floris –  andato in onda ieri sera su La7. Focus del monologo tenuto dal noto umorista genovese: il massacro di Parigi e le sue immancabili conseguenze. Il video parla da sé.

L’ISIS NON RIUSCIRA’ AD ANNIENTARE LA COMICITA’ – «Questo è il momento di non cedere alla paura. Questo è quello che vorrebbero i terroristi, farci cambiare il nostro stile di vita, il nostro modo di esprimerci. Ebbene, io sono un comico e la comicità con loro è un esercizio molto pericoloso. Ma io non cambierò il mio modo di essere». Ed è con una sincera e aperta considerazione sul mestiere del comico che Maurizio Crozza apre la sua pagina dedicataalla lotta al terrorismo. «Non facevo battute sull’Isis prima – dice – e non le farò nemmeno adesso. Avevo paura prima e ce l’ho anche adesso. Visto? Non mi hanno cambiato».

L’ECO DI UNA CRITICA – Con l’attentato a Charlie Hebdo, te la cavavi con un #JesuisCharlie. Adesso sulle magliette cosa ci scriviamo? #JesuisParis. Sì ma due giorni prima c’è stato un attentato in Libano: 44 vittime e 239 feriti. Quindi bisogna anche scriverci #JesuisBerut. E nell’annoverare altri episodi simili, come quello dell’esplosione dell’aereo avvenuto sul Sinai, finisce per frustare così le coscienze dei telespettatori: «Quanto deve essere vicina una barbarie perché ci colpisca come esseri umani? Piangiamo solo le città di cui abbiamo un souvenir attaccato sul frigo?».  Pungente ed amara la critica avanzata dal comico in merito alla reazione dell’opinione pubblica agli attentati terroristici di Parigi: «Da tre giorni sui social network milioni di utenti hanno colorato la loro foto del profilo di blu, bianco e rosso. Di che colore è la bandiera libanese?»:

C’E’ SOLO UNA REALTA’ – «La verità è che l’unica maglietta che mi sentirei veramente bene addosso è: Je suis un cretin totalment brancolant dans la nuit, un perfetto cretino che brancola nel buio»: una esplicita allusione al sistema di difesa dall’azione sovversiva dell’Isis che, in verità, altro non è che la politica dell’occhio per occhio, a cui, inevitabilmente, segue un tappeto di sangue.  

Antonietta Mente

@AntoMente

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews