VIDEO Calum Hood dei 5SOS nudo per una fan: le ‘pene’ dello shobiz

Calum Hood, bassista dei 5SOS, si mostra nudo in video ad una fan: il filmato salta fuori dopo un anno ed è scandalo. Le 'pene' dello showbiz del teen pop

video-calum-hood-nudo-pene

Calum Hood, bassista dei 5SOS (funny-pictures.picphotos.net)

Se la prima reazione che avete avuto trovando il nome “Calum” nei top trend di Twitter di oggi è stata più o meno questa, non vi preoccupato. Vi aiutiamo noi: Calum Hood è il bassista dei 5SOS (chi?), ossia i 5 Seconds of Summer (eh?), un “gruppo musicale punk-rock australiano” formatosi nel 2011, quando il più vecchio dei 4 membri (mai parola fu più azzeccata) aveva 17 anni. Come sono balzati agli onori delle cronache? Esatto. Faccini accattivanti, cover di pezzi conosciuti e (udite udite) un tour come gruppo spalla degli One Direction (aaaaah). Quindi questo articolo potrebbe anche chiudersi qui. Se non fosse che alla parola “Calum” bisogna affiancare “nudo“. E anche “pene“.

LE PENE DI CALUM - Fatto sta che oggi Calum Hood, 18 anni lo scorso gennaio, è finito nei top trend non è perché il singolo dei 5Sos Amnesia (da 13,5 milioni di visualizzazioni su YouTube) è punk-rock tanto quanto Alla fiera dell’Est di Branduardi. Ma perché, come ogni buon adolescente che si rispetti, il fanciullo – dal fisico forgiato dai migliori personal trainer della terra dei canguri – un annetto fa si è chiuso in bagno con lo smartphone e si è ripreso mentre sbandierava ai quattro venti digitali il pene, per poi inviare il tutto tramite messaggio privato di un’applicazione ad una fan altrettanto disinibita. Oggi il video dell’alzabandiera è stato reso pubblico – pare – dalla presunta destinataria, che non ha avuto neanche la premura di venderlo a Tmz. Col pene di Calum Hood finito direttamente o indirettamente sulle bacheche Twitter di più di 4 milioni di follower, è scoppiato lo scandalo tra le fan. se il gruppo ha 19 anni di età media, inutile star qui a immaginare quella delle sostenitrici.

CALUM-HOOD-video-nudo-pene

Un frame del video “incriminato”

IL VIDEO DI CALUM HOOD DEI 5S0S NUDO: LE “PENE” DELLO SHOWBIZ (V.M.18)

Ovviamente il malcapitato Twitter è diventato piazza virtuale delle reazioni del fandom, termine che nel web è in grado di identificare una massa informe di teenager tastiera-munite dalle reazioni spropositate, accomunabili solo a quelle di un terrorista che si fa esplodere in metropolitana assieme a Di Battista o ad una cessione di Messi al Lumezzane.

Si è passati dalle risatine imbarazzate o di derisione…

espressioni scandalizzate di 15enni che hanno almeno il doppio dell’esperienza sessuale del sottoscritto…

e difese a spada sguainata (come quella di Calum, ah ah ah) da parte delle Directioners, humus ideale delle fan dei 5 Seconds of Summer

Detto questo: it’s showbiz, baby. I 5SOS sono il nuovo surrogato musicale in salsa teen pop. Non volendo costruire un clone degli One Direction da portare a spasso fianco a fianco con la teen-pop band più amata (sigh) del momento, ai 5 Seconds of Summer è stata cucita addosso l’etichetta di gruppo punk-rock, salvo poi premurarsi di mettere un advisory di contenuti adatti a tutte le età sui video dei pezzi “più punk rock“ e farcire il loro repertorio di titoli acchiappa-fan under 18 come She looks so perfect o Vodoo doll.

 

CURSUS (DIS)HONORUM - Così come l’efebico Justin Bieber si è messo a frequentare signorine di dubbia moralità (senza ricapitolare arresti a vario titolo e pisciatine nei secchi del personale di pulizia) e gli One Direction si sono tranquillamente dati al fumo più divertente ma meno legale, filmandosi in preda alle salvifiche esalazioni, così i 5SOS e nello specifico Calum Hood sono destinati al cursus (dis)honorum designato delle teen-pop star. Successo estetico, successo musicale (derivante da quello estetico), notiziole trasgressive, scandaletti-scandali-scandaloni, oblio nel giro di un decennio. A sorridere saranno sempre e solo le etichette discografiche e i promoter. Loro, se son bravi, potranno pur sempre camparci di rendita. Vedi Britney Spears, dai 10 milioni di copie di Baby One More Time nel 1999 alle 600 mila scarse di Britney Jeane del 2013, ma un contratto milionario per suonare al Planet Hollywood di Las Vegas. Per i 5 Seconds of Summer, c’è da scommettere, la vita sarà un po’ più dura dopo il boom. E non basterà il video di un pene per non doverne soffrire altre, di pene.

Francesco Guarino
@fraguarino

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews