VIDEO Botte e insulti nella seduta notturna alla Camera tra Pd e Sel

Rissa durante la seduta notturna alla Camera: deputati sui banchi che si schiaffeggiano tra loro e si insultano a colpi di "pezzo di m..."

Roma – La seduta notturna della Camera dedicata alle riforme costituzionali si è trasformata in una rissa tra i deputati di Sel e Pd, nella quale sono volati schiaffi e insulti.

CAOS A MONTECITORIO – La seduta notturna era cominciata all’insegna dell’ordinarietà, anche se fin da subito i rappresentanti del M5s hanno presentato un feroce ostruzionismo riguardo alla discussione sull’articolo 15, quello relativo al quorum dei referendum abrogativi. Ad un certo punto, infatti, la tensione si è acuita: i deputati del M5s hanno cominciato a gridare «onestà, onestà», impedendo sia la continuazione del dibattito che i voti, e il vicepresidente Roberto Giachetti, dopo averli richiamati più volte, ne ha decretato l’espulsione di cinque, i più agitati, dicendo: «Nemmeno ai tempi del fascismo si impediva di parlare!».

In questo clima di tensione, è quindi scoppiata anche una rissa tra i deputati di Sel e Pd, i quali sono saliti sui banchi scagliandosi gli uni contro gli altri, schiaffeggiandosi e insultandosi. La bagarre è scoppiata in seguito all’intervento di Roberto Fico che ha attaccato il Pd. A questo punto, la seduta è stata sospesa.

E’ DOVUTO INTERVENIRE ANCHE RENZI - Alla ripresa della seduta, il relatore Emanuele Fiano ha accolto la mediazione di M5s, dicendosi d’accordo alla proposta dei pentastellati di smettere l’ostruzionismo dopo l’accantonamento dell’articolo 15, che si potrà votare a marzo insieme al voto finale sul testo. Riccardo Fraccaro, il pentastellato che ha proposto l’accantonamento dell’articolo 15, ha definito “una presa in giro” l’apertura di Fiano.

Al suo ritorno da Bruxelles a notte inoltrata il premier Matteo Renzi si è dovuto recare alla camera, dove era in corso la seduta, soprattutto per cercare di placare l’ostruzionismo in aula del M5s. Davanti a Renzi la minoranza ha poi chiesto un’assemblea – che si svolgerà oggi intorno alle 13.00 – per esprimere l’inquietudine e il malumore per il rallentamento che ha subito la riforma e da cui sembra non riuscire a venire fuori.

Mariangela Campo

@MariCampo81

 

 

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews