Vertice Celac: il Sudamerica guarda all’Asia

Santiago del Cile - Nata nel febbraio 2010 nel corso del Vertice sull’unità dell’America Latina e dei Caraibi, a Playa del Carmen (Messico) e ufficialmente costituita l’anno successivo, la Celac ha propriamente cominciato la sua missione a distanza di un altro anno. Meta del viaggio che ha segnato l’inizio dell’attività dell’organismo è stata l’Asia, proficua regione e partner d’eccellenza della comunità degli stati latinoamericani e dei caraibi (Celac).

La delegazione a rappresentanza dei 33 membri costituenti la Celac ha visto riuniti i primi ministri degli Affari Esteri cileno e venezuelano Alfredo Moreno e Nicolas Maduro ed il vice ministro cubano Rogelio Sierra Diaz. Obiettivo della troika del folto gruppo – dal quale rimangono esclusi paesi europei e aderenti all’OSA- sono: intensificare e consolidare il rapporto fra gli stati appartenenti alla Celac ed i due Paesi tutt’ora più prosperosi della regione Asiatica, India e Cina. A questo scopo il viaggio intrapreso dalle tre cariche politiche nel mese di agosto, a Nuova Delhi prima ed a Pechino poi.

«Un vasto potenziale ancora inespresso». Così il primo ministro indiano Krishna ha definito le relazioni tra il proprio paese e la Celac. Un’affermazione che fa ben sperare i membri della comunità sui reciproci vantaggi che potrebbero interessare presto le due aree, i cui mutui scambi commerciali al 2009 risultano già notevolmente incrementati. A ciò si aggiunge anche il palesato interesse di Nuova Delhi a investire con maggior vigore in America Latina: settori come quello farmaceutico e tecnologico potrebbero allora diventare strategici e superare perfino quelli delle materie prime.

celac

Vertice Celac

Anche in Cina il dialogo è risultato positivo: al termine dell’incontro tra il cancelliere cinese  Yang Jiechi e i rappresentanti della Celac, l’anfitrione ha reso noto ai suoi ospiti ed alla stampa che «sono nate delle idee per un’agenda di lavoro», attestando dunque l’interesse del Dragone nei confronti di uno sviluppo congiunto con i paesi dell’organizzazione, cui presidente è al momento il Cile.
E’ innegabile, d’altra parte, l’esistenza di un fitto interscambio commerciale tra Asia e America Latina: gli USA sono ancora primo partner commerciale di quest’ultima regione ma nelle economie oggi maggiormente in crescita (il Brasile, ad esempio) subentra come ulteriore partner commerciale Pechino, che strappa il primato a New York.

Tra Asia e Celac, dunque, esistono interessi condivisi che in particolar modo per i paesi della Comunità latinoamericana e dei caraibi si rende necessario rinforzare e potenziare. Non bisogna dimenticare, infatti, che le buone performance economiche dell’area dipendono in gran parte dalle floride relazioni commerciali con l’Asia, India e Cina i paesi trainanti.

La prima missione della Celac verso una ancor più salda cooperazione con l’Asia e un incremento dei rapporti politici-economici con la regione ha registrato quindi un esito favorevole per i paesi dell’America Latina. Ma la giovane Celac non dimentica la vecchia UE: il primo vertice che le vedrà confrontarsi si terrà a Santiago del Cile il 26-27 gennaio 2013. Obiettivo: rafforzare le relazioni e al medesimo tempo costruire una partnership in grado di sostenere lo sviluppo delle aree in gioco. L’Asia si è dimostrata all’altezza delle aspettative della Celac; la palla passa ora all’Europa.

 Valentina Medori

Foto | www.celac.gob.vehttp://laradiodelsur.com

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Una risposta a Vertice Celac: il Sudamerica guarda all’Asia

  1. Pingback: Nuestra America ha un'altra agenda | Contropiano

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews