Vertice Bossi-Berlusconi: vince la linea dura di Tremonti

Milano – Nessun allentamento della pressione fiscale. Questo è quanto è stato deciso durante il vertice Pdl – Lega avvenuto a villa San Martino ad Arcore. Le richieste della Unione Europea sono state l’unico parametro importante delle non – decisioni prese  durante l’incontro avvenuto il 6 giugno all’interno dello schieramento di maggioranza. La UE ha chiesto all’Italia di raggiungere, entro il 2014, l’obiettivo del pareggio di bilancio «è confermato e tutto ciò andrà fatto secondo i tempi previsti e secondo i vincoli che la Ue ci assegna» ha dichiarato Angelino Alfano ai giornalisti uscendo dalla villa di Arcore. «E’ programmata la riforma fiscale. Poi vedremo cosa si potrà fare – ha detto Silvio Berlusconi il giorno dopo l’incontro con l’alleato di governo – noi vogliamo sempre farlo. Bisogna vedere se le condizioni ce lo consentono. L’intenzione è quella».

Tutti scontenti, dunque. Berlusconi, che vorrebbe riconquistare l’elettorato dopo il fallimento delle ultime amministrative, e che crede di poter raggiungere tale obiettivo anche con l’alleviamento della pressione fiscale. Bossi, che vede allontanarsi la piena realizzazione del federalismo, di cui un passo rilevante sarebbe stato lo spostamento di alcuni ministeri al nord e che trova, tra le altre, la netta opposizione del sindaco di Roma, Gianni Alemanno. I guai del Cavaliere in questo periodo sono davvero tanti, in primo luogo deve affrontare una Lega sempre più disillusa dall’alleanza di governo, una premiership traballante sotto i colpi della batosta subita nelle ultime elezioni e lo spauracchio del risultato degli imminenti referendum, per non parlare dei processi in corso che vedono Berlusconi come protagonista principale.

 

Il neo segretario del Pdl, Angelino Alfano

E infatti l’unica decisione presa durante il vertice è neutra e politicamente non pericolosa, cioè la nomina del Guardasigilli Angelino Alfano come segretario del Pdl. Doppia carica quindi, almeno per ora, per il ministro della Giustizia. Un modus operandi a cui il governo Berlusconi ci ha abituato da tempo, viste le numerose cariche ad interim che egli stesso ha ricoperto durante l’ultima legislatura. I detrattori della maggioranza di Governo non si sono, però, fatti sfuggire il silenzio dei vertici della Lega. Nessuna dichiarazione rilasciata da Bossi e dai suoi all’uscita dalla villa di Arcore. Un silenzio carico di nubi tempestose. L’unico a parlare dopo il vertice è stato il neo-segretario del Pdl, il quale rassicura sulla tenuta del Governo e sulla sua durata «Si e’ ulteriormente rafforzata la volontà di arrivare a fine legislatura – ha, infatti, detto Alfano –  Il rapporto fra tra Berlusconi e Bossi è solido – e ci tiene a precisare che – la maggioranza è in grado di dare stabilità e portare avanti le riforme».

Ma le parole rassicuranti di Alfano cozzano contro la decisione del Senatur e dei suoi colonnelli leghisti di non fare dichiarazioni e di chiudersi a via Bellerio continuando a tacere anche alla fine della loro seduta interna. Solitamente era lo stesso Bossi a parlare dopo i vertici con il Cavaliere, per rassicurare e confermare pubblicamente sulla tenuta dell’alleanza con il Pdl. Fa presagire il peggio questa mancanza di comunicazione leghista.  Un silenzio che preoccupa molto il vertice pidiellino.  Una brutta gatta da pelare per Berlusconi. Apparentemente sembra che Bossi attenda lo sviluppo della situazione, fermando qualsiasi azione in attesa della verifica parlamentare chiesta dal Quirinale, dei referendum, ma in particolar modo gli esiti della manovra fiscale da 40 miliardi con cui si dovrà raggiungere il pareggio di bilancio entro il 2014. Tremonti sembra deciso a raggiungere l’obiettivo richiesto dalla UE spalmando il debito in due tranche da 5miliardi ed una, pesantissima, da 30. Chissà se il governo terrà. Questo è l’interrogativo che si pongono tutti gli italiani.

Sabina Sestu

Foto: www.newspedia.it; www.ilsole24ore.com

Preview: www.tempi.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews