Verso i cyborg: un tatuaggio sostituirà il microfono

Un esempio di applicazione del tatuaggio (corriere.it)

Un esempio di applicazione del tatuaggio (corriere.it)

La tecnologia invade sempre più i nostri corpi: ora anche la comunicazione sembra avviarsi a un’integrazione cibernetica tra esseri umani e telefono, con un brevetto che sarebbe stato registrato due giorni fa dalla Motorola. Al confine tra la fantascienza cyberpunk e la tecnologia, il progetto dell’azienda statunitense riguarderebbe un tatuaggio in grado di funzionare come microfono connesso via wireless al proprio telefono.

Il passo successivo allo smartphone sembra essere la piena integrazione umano-macchina: il tatuaggio della Motorola potrebbe essere applicato vicino alla gola, da dove riceverebbe le vibrazioni della laringe e le ritrasformerebbe in suoni.
Come spiegano alla Motorola, questo sistema è un passo avanti qualsiasi altro sistema di ricezione del suono: visto che sarà direttamente a contatto con la gola e che registrerà le vibrazioni, non subirà alcun influsso negativo neppure in luoghi affollati, come i centri commerciali. Addirittura, promettono gli ingegneri, potrebbe essere sufficiente muovere le labbra e sussurrare le parole, senza bisogno davvero di essere udibili da un normale microfono, perché questo tatuaggio non userà le onde sonore nell’aria.

L’idea del tatuaggio, però, non è ancora confermata; più che un disegno sulla pelle, infatti, il progetto potrebbe riguardare qualcosa di simile a un piccolo cerotto. Questo coinciderebbe anche con alcune voci che circolano sulla massiccia collaborazione Google – Motorola: i laboratori, guidati dagli uomini del colosso del Web, sembrerebbero da tempo impegnati sullo studio delle Biostamp, cerotti trasparenti contenenti circuiti.

Il brevetto statunitense passa oltre la tecnologia indossabile: occhiali intelligenti, orologi computerizzati suonano antiquati di fronte a questo prototipo, che promette di inserire l’interazione tecnologica sempre più in profondità nei corpi umani. Le conseguenze e le implicazioni sembrano ancora difficile da cogliere ma promettono una nuova rivoluzione nel nostro modo di vivere.
La registrazione del brevetto, comunque, non significa automatica commercializzazione né identifica una tempistica certa: potrebbe solo riguardare un importante e promettente strada di ricerca che la Motorola a Google vogliono percorrere fino in fondo, tenendo sgombero il campo da possibili contendenti.

Andrea Bosio
@AndreaNickBosio

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews