Velinismo, celodurismo e websurfing: oltre 1500 nuove parole nello Zingarelli 2012

ROMA – Un’Italia tormentata dal “velinismo”, padroneggiata dal “fighettismo”, dove si continua a “sversare” liquami, a “rippare” dvd e a fare i conti con il “milleproroghe”: ecco il Paese, che qualcuno potrebbe definire “scrauso”, descritto dalle nuove voci dello Zingarelli 2012, l’edizione annualizzata del vocabolario della lingua italiana edito da Zanichelli.

 

Le oltre 1500 nuove parole entrate nella storica opera di consultazione ideata da Nicola Zingarelli registrano i cambiamenti, le mode e l’evoluzione del costume italiano. Così l’Italia di oggi è quella che si divide sul “biotestamento”, che teme il movimento “sadrista” (legato al fondamentalismo islamico e diffuso specie in Iraq) e in cui si fanno le campagne “anti-velo”. Un Paese dove il “digital divide” (divario digitale) è ancora ampio ma si ragiona sulla “glocalizzazione”.

 

Il vocabolario continua a registrare l’abitudine di parlare diplomatichese, didattichese, giovanilese e politichese, tanto che viene definitivamente accolto il “celodurismo” del leader leghista Umberto Bossi. Dalla moda arriva la nuova tendenza ad indossano i “cuissardes” (gli stivali con gambale a mezza coscia) da parte delle donne e il benessere è presente tra le new entries linguistiche con la pratica del “cardiofitness”, della “fit boxe” e con il “bosu” (nuovo attrezzo ginnico).

 

Tra le nuove mode lo Zingarelli 2012 segnala quella legata alla bevanda del “frappuccino”. Ma nell’italiano parlato comune si sono affermati anche neologismi legati all’ambiente, come “ecoauto”, magari acquistata con l’“ecocontributo”, “compostiera” (per i rifiuti conservati in casa o giardino) ed “ecopiazzola”.

 

Viene registrata per la prima volta anche la famiglia “monogenitoriale” e debutta il “minisindaco” (in gergo giornalistico il presidente di una circoscrizione comunale).

L’italiano, infine, è sempre più attento al lessico delle nuove tecnologie, come dimostra la presenza nel vocabolario Zingarelli 2012 di “couch surfing” (la pratica di scambiarsi per brevi soggiorni la casa tramite il web), “cloud computing” e “websurfing”.

Natalia Radicchio

Foto| via www.agi.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews