Vamos Podemos: le elezioni locali in Spagna premiano la sinistra indignata

podemos

Se il 15 maggio del 2011 qualcuno avesse detto ai neonati “indignados” che quattro anni dopo avrebbero vinto le elezioni amministrative con un nuovo partito di nome Podemos in una delle più importanti città spagnole – Barcellona – probabilmente lo avrebbero preso per matti. Invece è quello che è successo veramente.

BARCELLONA - Nella capitale della Catalogna la coalizione nata attorno al partito erede degni “indignados” – Podemos – e al candidato sindaco Ada Colau è arrivato primo. La formazione politica ha ottenuto ben 11 seggi, uno in più rispetto al sindaco uscente Xavier Trias, esponente di Convergenza e Unione, partito autonomo catalano nato dall’unione di Convergenza Democratica di Catalogna e dall’Unione Democratica di Catalogna.

LA CAPITALE - A Madrid ancora è presto per dire chi ha vinto. Probabilmente alla fine a spuntarla sarà il Partito Popolare, ma se il Partito Socialista e Podemos decidessero di coalizzassero, toccherebbero a loro governare. E sarebbe una vittoria politica non indifferente per Podemos considerando il valore simbolo della capitale.

PROSSIMO OBIETTIVO IL GOVERNO - Una cosa è certa, per gli appassionati di politica estera, in particolare di politica spagnola, da qui a dicembre ci sarà da divertirsi e non poco. Già, perché nel mese di Natale si svolgeranno le elezioni politiche spagnole per il rinnovo del Parlamento spagnolo, e a questo punto è chiaro a tutti, scettici inclusi, che Podemos può vincerle ed arrivare a governare il paese. Queste elezioni amministrative dicono che il primo partito a livello nazionale rimane il Partito Popolare di Mariano Rajoy, Primo Ministro in carico. Ma tale maggioranza sarebbe a dir poco relativa: appena il 26,7% secondo il sito de El Pais. Se Podemos a dicembre dovesse arrivare primo, a questo punto si formerebbe una sorta di alleanza fra la Grecia e la Spagna, probabilmente i due paesi europei che hanno pagato e che pagano tuttora il prezzo più alto della crisi e che sarebbero governati dalla “nuova sinistra”: Tsipras e, per l’appunto, Podemos. Come la prenderebbero dalle parti di Bruxelles?

Giacomo Cangi

@GiacomoCangi

foto: reflets.info

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews