Usa 2012. Romney recupera nei sondaggi: ora è testa a testa con Obama

romeny-obama-USA2012

Barak Obama, Mitt Romney

New York – Campagna elettorale incandescente negli Stati Uniti. Dopo la vittoria nel primo scontro dibattimentale per le presidenziali del repubblicano Mitt Romney sul capo della Casa Bianca uscente Barak Obama, i toni si alzano ancora e con essi anche il susseguirsi di sondaggi che vedrebbero Romney in vantaggio.

D’altronde, come racconta il sito wallstreetitalia.it, mercoledì scorso – durante il match TV di Denver – il presidente Obama si è macchiato della peggiore performance oratoria a cui avrebbe potuto dare luogo. Lui, fine parlatore. Gli americani sembrano non perdonare la debacle o magari hanno apprezzato il nerbo di cui il candidato repubblicano ha dato prova. Fatto sta che secondo un sondaggio Gallup, riportato dall’ansa.it, nei successivi 3 giorni (4-6 ottobre) seguiti al dibattito, Romney ha raggiunto Obama. Attualmente i due sono pari con il 47% delle preferenze fra gli elettori registrati. Dato notevole se si pensa che nei 3 giorni immediatamente precedenti il dibattito, Obama era in testa di 5 punti: 50% a suo favore contro il 45% del rivale. Il sondaggio, inoltre, rivela che per il 72% dei telespettatori che hanno seguito il confronto, non ha dubbi: Romney ha fatto meglio di Obama.

Stessa musica secondo alcune percentuali divulgate questa volta da Reuters/Ipsos: Romney in settembre viaggiava dietro al presidente uscente di ben 9 punti. Ora sembra che la situazione si stia invertendo: 47%-49% delle preferenze sarebbero di Romney contro il 45% di Obama. 

Tutte percentuali mal digerite dai fan e fedeli di Obama, i quali sul Web si stanno scatenando in queste ore. Pare che nel mirino delle accuse contro Romney, questa volta, ci sia un foglietto sospetto. Il repubblicano, durante l’incontro di Denver, – dicono le voci democratiche – si sarebbe aiutato con degli appunti infilati nella tasca. Cosa che se fosse vera, andrebbe contro tutte le regole dei dibattimenti presidenziali poiché ai candidati non è concesso altro aiuto se non la propria capacità oratoria.

Le accuse sono state prontamente respinte dai rappresentanti della Campagna elettorale di Romney perché, dicono, il lapis sarebbe stato un semplice fazzoletto.

Chantal Cresta

Foto || ansa.it

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews