Una moglie per finta? Potrebbe essere quella giusta

Locandina

Locandina

Una fede al dito può garantire un sacco di donne.

Un paradosso di cui si è reso conto Patrick (Adam Sandler), che a seguito di un matrimonio falso ha deciso di usare il “potere dell’anello” per conquistare giovani ed avvenenti ragazze senza però relazionarsi con loro in qualcosa di più serio. Il gioco funziona alla grande fino a quando però non incontra Palmer (Brooklyn Decker), la donna dei suoi sogni. L’unico problema? Lei vuole conoscere la sua ex moglie per capire se veramente è la persona adatta. E a Patrick l’unica persona che viene in mente è la sua fedele amica e assistente Katherine (Jennifer Aniston), divorziata da anni e con due figli a carico. L’insolito gioco della parti avrà tuttavia dei risvolti imprevisti.

Mia moglie per finta” è una divertentissima commedia sentimentale incentrata su una logica semplice e molto comune nel cinema americano: spesso il vero amore si nasconde nella persona che ci è sempre stata vicino. Solo che troppo spesso non si riesce a capirlo subito. Dennis Dugan è riuscito con una storia colorata (ispirata alla pellicola di Bergman del 1969, “Fiori di cactus”), brillante anche se a tratti un po’ prevedibile, a creare un buon prodotto per il grande schermo, avvalendosi anche della collaborazione, e della bellezza, di Nicole Kidman.

Bravi gli attori, con Sandler brillante e dal vivace lavoro espressivo. Protagonista del film, si muove con disinvoltura nel duplice ruolo di ex finto – marito seduttore (assai bravo a raccontare frottole) e vero consorte (quando lo farà per conquistare Palmer) anche nei momenti più teneri che trascorrerà in vacanza con i figli di Katherine. Collaudato da anni in questo genere di cinematografia, ha egregiamente ottenuto credibilità e spessore.

Così come Jennifer Aniston, che sembra inoltre migliorare con il passare degli anni. Sempre più bella e in splendida forma, con un ruolo sempre adatto al suo carisma alla sua forte sagacità, in grado però di far emergere nel corso della narrazione, il suo lato sensibile e più femminile.

Jennifer Aniston, Adam Sandler e Brooklyn Decker

Jennifer Aniston, Adam Sandler e Brooklyn Decker

Anche lei divisa in una doppia veste, è stata molto brava ad equilibrarsi senza mai uscire dagli schemi.

Ben riuscito anche il lavoro di Nick Swardson (che interpreta Eddie, cugino di Patrick) come caratterista, capace di suscitare folli risate mentre cerca di rianimare una povera pecora e nei maldestri tentativi di assumere il ruolo del seduttore instancabile. Una nota di merito va anche a Brooklyn Decker, la cui bellezza tuttavia non l’ha aiutata a imporre un personaggio che con ogni probabilità meritava più spessore e qualche battuta in più. Molto teneri invece i bambini che incarnano le parti dei figli di Katherine, tra cui Maggie (Brailee Madison, farà strada), che sarà un vero e proprio peperino insieme al fratello più piccolo. La scena ambientata in piscina è senza ombra di dubbio una delle più dolci di tutto il film.

“Mia moglie per finta” risulta così essere un film indicato a tutti coloro che desiderano assistere ad una pellicola felice e estranea a molti climi violenti delle proiezioni di questo periodo. Un invito ad aprire gli occhi sulla natura dei sentimenti e uno sguardo alla realtà contemporanea fatta di relazioni e matrimoni buttati all’aria perché nati totalmente sbagliati in partenza. E soprattutto, una visione reale di cosa veramente è l’amore: un bagno con i delfini. Vedere per capire.

Adriano Ferrarato

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews