Una giornata senza Blackberry

Milioni di utenti in tutta Europa, Asia, Medio Oriente e Africa ieri hanno vissuto un qualcosa di simile a quanto, nella finzione, accadde a Massimo Troisi e Roberto Benigni nel celebre film “Non ci resta che piangere”, vedendosi catapultati nel passato di alcuni secoli: alle ore 11 italiane di ieri la rete Blackberry è andata in tilt, e per gli utenti del celebre smartphone è iniziato un isolamento difficile di gestire, soprattutto di lunedì.

Un modello di Blackberry

Il sistema di messaggistica istanea che ha fatto dell’apparecchio canadese una delle principali alternative ai capolavori della Apple e della Nokia si è completamente bloccato: anche in Italia i problemi non sono affatto mancati, tanto da spingere alcuni operatori a segnalare il problema sul proprio sito e sulle loro pagine sui principali social network.

In serata, verso le 22, il ritorno alla normalità: un sospiro di sollievo per molti, che non avrebbero potuto permettersi di restare in quel di Frittole (mille e quattro, quasi mille e cinque) nemmeno un minuto di più.

 

Andrea Corti

 

Foto da iltrillo.com e wikimedia.org

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews