Un comico in corsia: intervista a Giacomo Poretti

Intervista al comico del trio Aldo, Giovanni e Giacomo, intervenutoa Milano alla conferenza “Ridere fa bene alla salute”

di Nadia Galliano

Giacomo Poretti

MILANO – Il 20 aprile si è tenuta la seconda conferenza dell’iniziativa “Cuore e dintorni” al quale ha partecipato, come ospite d’onore, Giacomo Poretti, il comico del trio più amato della televisione e del cinema, “Aldo, Giovanni e Giacomo”.  A conferenza ultimata, intercettiamo il comico, per strappargli una breve intervista.

Giacomo, perché ha deciso di partecipare all’iniziativa “Ridere fa bene al cuore”?

Penso sia molto importante diffondere il messaggio che “una risata al giorno leva il medico di torno” e poi, beh, in realtà mi ha costretto lo staff organizzativo, visto che sono molto amico con alcuni dei presenti.

Su Wikipedia, alla voce Giacomo Poretti, si legge che lei impersona l’ipocondriaco del trio comico. Finzione artistica o verità celata?

Lo sono stato, come in fondo lo siamo un po’ tutti. Diciamo che l’ipocondria mi ha sfiorato, ma non è mai stata una mia peculiarità. Ed il fatto che io mi sia trasferito in un palazzo, in cui vivono ben tre cardiologi, è un dato puramente casuale…

Leggendo la sua biografia, ho scoperto che ha studiato come geometra, ha fatto il metalmeccanico, ha lavorato per undici anni come infermiere diventando caposala ed ora è comico, attore e regista di successo. Insomma, Uno, nessuno e centomila.

In realtà, io mi sento un curioso, più che altro. Mi piace sperimentare nuove avventure e scandagliare diversi orizzonti. Il fatto è che, dopo un po’, mi stanco delle cose che sto facendo e sento la necessità di cambiare.

Non si è ancora stancato dei suoi “compagni di viaggio”, però.

Beh, quando le cose vanno bene, perché cambiare?

Mai pensato ad una carriera da “solista”, quindi.

No, come attore e comico no. Però, potrei pensarmi individualista in un’altra professione, come quella dello scrittore. In effetti, mi piacerebbe molto scrivere un romanzo e non è detto che non lo faccia in un prossimo futuro.

Aldo, Giovanni e Giacomo

Riguardo al futuro, quali progetti stanno bollendo in pentola?

Insieme ad Aldo e Giovanni, a breve incominceremo a girar un film, che uscirà il prossimo Natale e sarà ambientato a Milano. Non abbiamo ancora il titolo purtroppo e, per scaramanzia, non posso aggiungere altro. (In realtà, è perché non ne so molto neanch’io…).

A proposito di progetti cinematografici, recentemente, col trio, l’abbiamo vista impegnata nel documentario “Oceani 3D”. Personalità eclettica o cambio di rotta nel vostro/suo percorso cinematografico?

No, guardi, è per puro spirito di sperimentazione. Ci ha divertito l’idea di prestar la voce ad un animale marino, visto che nella realtà non ci è ancora capitato. Siamo dei comici tuttofare.

In tema di comicità, non posso non citare la recente scomparsa di uno dei pilastri della comicità italiana, Raimondo Vianello. Lei ha avuto il piacere di conoscerlo?

Le racconto un aneddoto: quando col trio facevamo Mai dire Gol, nel frattempo Raimondo conduceva Pressing. Mi ricordo che, ogni volta che ci vedeva al bar, con la sua flemma ci diceva: “Anche voi qui? Ma fanno lavorare proprio tutti, cani e porci, al giorno d’oggi”, per poi aggiungere: “Ma vi pagano pure?”. Ci ha sempre fatto morir dal ridere.

La ringrazio molto per l’intervista. (Sorrido)

Grazie a lei.(Sorride)

E si conclude così la nostra chiacchierata: con un sorriso, perfettamente a tema con l’iniziativa appena presentata.

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
  • Delicious
  • LinkedIn
  • StumbleUpon
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Ti è piaciuto questo articolo? Fallo sapere ai tuoi amici

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

 
Per inserire codice HTML inserirlo tra i tags [code][/code] .

I coupon di Wakeupnews